Cultura e scienze

Travaglio NON HA insultato Burlando, chiaro?

A integrazione della segnalazione «Travaglio non ha insultato il faccione deformato di Burlando, chiaro?» segnaliamo la seconda puntata dello scontro tra Repubblica e Marco Travaglio, dopo la querelle con Francesco Merlo. Prima di tutto Travaglio si appella alle regole per fischiare il fuorigioco a Messina: «Scrive, il Messina, che avrei detto di non aver mai insultato nessuno. Balle: ho sfidato Francesco Merlo – che mi accusava difare “tv dell’insulto” da 8 anni, da quando collaboro con Santoro – a citare un solo insulto contenuto nei miei oltre 200 interventi ad Annozero e a Servizio Pubblico dal 2006 a oggi». Quindi, dice lui, la frase sul cadavere putrefatto era in chiaro offside, non faceva parte del conto. E in ogni caso non si riferiva a Napolitano. E il faccione deformato di Burlando? Anche qui Marco chiama in causa la moviola:

Merlo, noto cultore del contraddittorio, non ha risposto: l’ha fatto, in sua vece, il suo vice Messina. Che tutto contento è riuscito a scovare due miei sanguinosi insulti. Purtroppo però non erano nelle mie rubriche televisive oggetto della polemica con Merlo: erano in due articoli sul Fatto , e non erano neppure insulti. Il primo, nel mio pezzo di domenica scorsa, è “la faccia deforme di Burlando” (mamma mia che impressione).

Quindi, anche il secondo è fuori dal gioco perché è stato scritto sul Fatto. Travaglio quindi insulta solo sul Fatto e non in tv. Segnatevelo, ‘ché sennò mi si incazza un’altra volta.