Cultura e scienze

#TheDress: il vestito che sta facendo impazzire il Web!1

#thedress

Ora che abbiamo finito di difendere la libertà della Rete e la Net Neutrality possiamo finalmente occuparci di argomenti seri, quelli per cui l’Internet è diventato il fenomeno globale che piace a tutti, da Matteo Salvini ai terroristi dell’ISIS: gattini, foto buffe di cani e mindfuck. Per una volta lasciamo da parte le prime due parliamo dello strano fenomeno della tua testa che vede una cosa sull’Internet ed esplode. O almeno così promettono i siti come Buzzfeed, che ha lanciato nella stratosfera il post su Tumbrl di un’utente che ha chiesto aiuto all’Interewbs: «guys please help me – is this dress white and gold, or blue and black? Me and my friends can’t agree and we are freaking the fuck out». Fin qui niente di male se non che alcuni il vestito lo vedevano nero e blu altri bianco e dorato. Un bel problema davvero, non c’è che dire.

 
#THEDRESS IS A LIE
La storia de vestito la racconta Superstarz che ci spiega che dopo la pubblicazione della foto del vestito misterioso il mondo si è diviso tra #teamblackandblue e #teamgoldandwhite. Ma com’è possibile che nessuno veda la stessa combinazione di colori sul vestito? Siccome Internet è un posto dove si prendono le cose sul serio e dal momento che l’hashtag su The Dress è diventato uno dei più popolari al momento su Twitter tutti i giornali hanno fatto a gara per fornire la spiegazione scientifica sul vestito dai colori impossibili. E c’è da capirli, l’ultimo vestito blu che aveva fatto così tanto parlare di sé era stato quello indossato (e gelosamente conservato in una cella criogenica) da Monica Lewinski alla Casa Bianca, quello però pare fosse blu e bianco.

Wired ha convocato i suoi super-esperti del reparto Photoshop per analizzare i pixel del vestito. Vox per darsi un tono più intellettuale ci ha fatto un pippone sulla psicologia della percezione e The Independent che sembra aver preso sul serio la cosa va decisamente oltre e ha fatto uscire un pezzo che riporta addirittura il racconto della testimone oculare che ha potuto vedere da vicino il famigerato vestito e giura che sia blu e nero. Ed in effetti a quanto pare qualcuno ha anche preso la briga di controllare google per trovare il negozio online che vende “The Dress” per darci la prova provata che è senza ombra di dubbio blu e nero.        


Insomma, come quelli che hanno visto parecchi vestiti nella vita reale avranno capito subito, il trucco sta tutto nel modo in cui la luce colpisce un oggetto e dalla modalità con la quale l’occhio umano percepisce meglio alcuni colori rispetto ad altri in base alla lunghezza d’onda della frequenza luminosa. Ma attenzione, la faccenda si complica se pensiamo che non solo “the dress is a lie” ma anche tutti i colori lo sono. OH SHI-

mind blown  
L’INTERNET ABBANDONA LA NET NEUTRALITY
La questione è così spinosa che c’è il rischio che la Net Neutrality difesa con le unghie e con i denti venga spazzata via dall’uragano di cinguettii e condivisioni tra chi il vestito lo vede blu e nero e chi lo vede bianco e d’oro.


Miti dell’infanzia che improvvisamente crollano sotto i colpi dell’incertezza cromatica:

La portata degli eventi rischia di essere oltre ogni possibile immaginazione:


Qualcuno trovi il tempo di andare a fare  consulenza matrimoniale a casa West/Kardashian prima che sia troppo tardi:
 

 
I TWEET SU #THEDRESS