Cultura e scienze

«Saviano senza camorra rimane disoccupato»

primarie pd campania roberto saviano

“La Legge Severino viola la Costituzione perché vale per i sindaci e i dirigenti e non per la casta di deputati, senatori e ministri (…). Matteo Renzi sarà obbligato a consultare, questo prevede la procedura, il ministro dell’Interno, poi sentirà il ministro degli Affari regionali, poi penso che vorrà sentire l’avvocatura dello Stato perché insomma la faccenda è delicata e non ci sono precedenti e, caspita, stiamo parlando della seconda regione d’Italia. Dopodiché decide (…). Io invoco un atto di ‘rottura’ totale rispetto a questa idiozia di cui stiamo parlando”. Lo dice Vincenzo De Luca, il 31 maggio eletto presidente della Regione Campania, contestando la legge Severino e chiedendo l’intervento del premier in un’intervista che il settimanale Panorama pubblica nel numero in edicola da domani. De Luca spiega così quel che potrebbe accadere: “Renzi può approfondire, ma sapendo che se non cambia la legge tutto resterà come prima. Dopodiché decide. Lui (mi, ndr) sospende? Io ricorro alla Corte d’appello di Bari. La quale, di fronte a un analogo provvedimento del presidente del Consiglio, ha rimesso nelle sue funzioni pubbliche un consigliere regionale. Nel frattempo la giunta regionale che io nomino, compreso il vicepresidente, continua a lavorare sulla base del programma votato dai cittadini. Punto”.

Vincenzo De Luca: come funziona la Legge Severino
Vincenzo De Luca: come funziona la Legge Severino

De Luca parla anche di Roberto Saviano: “Io credo che Saviano abbia grandi meriti – dice – ma anche un grande limite: sta innamorandosi del suo personaggio e della sua immagine. In qualche momento sembra che abbia bisogno di inventarsela, la camorra, anche dove non c’è, altrimenti rimane disoccupato”. Il governatore campano torna a prendersela con Rosy Bindi, presidente della Commissione antimafia, che ha querelato per averlo inserito nella sua lista di impresentabili: “Deve rispondere davanti al giudice di un atto che io giudico infame sul piano politico, volgare sul piano umano e anticostituzionale sul piano istituzionale. L’atto che ha compiuto è di una gravità inaudita. È un atto che sarebbe considerato eversivo anche in un Paese dell’America latina”.