Attualità

Salvini e i medici no vax: “Chi sono io per dir loro cosa devono fare?” | VIDEO

Cosa ne pensa Salvini dei medici no vax? Ieri Bonaccini tuonava: “Se non si vaccinano, non possono lavorare”. Il leader della Lega invece…

salvini medici no vax video porta a porta

Cosa ne pensa Salvini dei medici no vax? Ieri il leader della Lega a Porta a Porta di fronte a una domanda diretta di Bruno Vespa sull’argomento si è contraddetto, prima spiegando che “assolutamente” i medici devono vaccinare ma poi aggiungendo una frase quanto meno ambigua. Ascoltate cosa dice il “Capitano” al minuto 4 circa nel video qui sotto:

Vespa gli chiede se farà il vaccino e Salvini risponde: “Ci mancherebbe altro, io mi fido del mio medico e faccio quello che mi dice, quando prendo un aereo mi fido del pilota, quando vado dal dentista mi fido del dentista. Bisogna educare: io sono sempre contro gli obblighi. Ho sentito nei mesi passati liste di proscrizione, per chi non può, per chi non vuole…”. A questo punto il giornalista lo interrompe: “Però lei è favorevole al fatto che un medico si debba vaccinare, vero?”. Salvini parte in quarta: “Assolutamente sì”, dice. Però poi si corregge: “Però, ripeto, se un medico che ha fatto il giuramento di Ippocrate ritiene di fare una scelta chi sono io per opinare della scelta? Noi abbiamo il dovere di far vaccinare TUTTI COLORO CHE VOGLIONO VACCINARSI in tempo zero”. Subito dopo abilmente il leader della Lega si allontana dall’argomento per parlare della ripartenza. Sicuramente le parole di Salvini sono molto meno chiare di quelle che ha usato Bonaccini per spiegare che i medici no vax si devono vaccinare o non possono stare a contatto con i malati: “Sui sanitari – ammette – la dico così: non so se serva l’obbligo vaccinale ma so che se uno non si vaccina non può lavorare in quel luogo lì. Io sul passaporto vaccinale sono d’accordo: chi è vaccinato, e quindi è tranquillo e sicuro, è giusto che possa contribuire a far ripartire quelle attività che sono così in difficoltà. Però confido che l’estate, che è un vaccino naturale, per così dire, unito ai vaccini veri e propri, che dovranno essere milioni, a quel punto, entro l’estate, potranno farci tornare il sorriso molto più di oggi”