Attualità

Roma, accoltellato per aver chiesto a due ragazzi di indossare la mascherina

È successo in zona Collatina, sul bus 314 dell’Atac. I due non avrebbero gradito che il 31enne avesse detto: “Mettetevi la mascherina, siamo su un autobus”

atac roma facebook

“Mettetevi le mascherine, siamo su un autobus”, è la frase che ha scatenato l’ira dell’uomo che ha deciso di dare una coltellata alla gamba destra di un ragazzo di 31 anni. Roma, il giorno di San Valentino, linea 314 dell’Atac, la municipalizza della Capitale. È pomeriggio, in zona Collatina salgono sul bus una coppia, un ragazzo e una ragazza. Ma senza mascherina, senza alcun dispositivo di protezione individuale, con bocca a naso completamente scoperti. Quindi un uomo chiede loro di coprirsi o di scendere, perché -dice giustamente- “siamo su un autobus”.

Ma i due non la prendono bene, e lui prima pronuncia qualche insulto, poi afferra il coltello che ha in tasca e colpisce il 31enne alla gamba destra. Un colpo ben piazzato, senza indugiare, poi in fretta e furia scendono dal bus e scappano. Il 31enne romano cade a terra e perde molto sangue. Ad assisterlo c’è il conducente, che avendo osservato la scena ferma il bus e si precipita verso il ragazzo ferito, chiamando prima il 118 e poi il 113. In pochi minuti arrivano sul posto l’ambulanza e le vetture della polizia. Trasportato d’urgenza al Policlinico Casilino di Roma, l’uomo ora sta bene e la ferita è stata chiusa.

Quello che ora rimane da capire è chi fossero i due che non indossavano la mascherina, e soprattutto chi fosse ad aver accoltellato il 31enne. Per questo gli inquirenti hanno chiesto ad Atac di poter aver accesso alle telecamere di sorveglianza (che dovrebbero esserci ed essere funzionanti su tuti i mezzi di Roma), e sempre per questo motivo si son recati sul posto gli agenti della polizia scientifica alla ricerca di tracce che possano ricondurre al ragazzo fuggito. Secondo quanto raccontato dai testimoni potrebbe trattarsi di una coppia rom, ma per ora non si sa di più. Si sta lavorando su un cappellino che è caduto all’uomo mentre fuggiva.