Cultura e scienze

Quelli che non credono alla versione ufficiale dell'Airbus A320

aereo caduto airbus a320 german wings 1

Gli esperti dell’Internet oggi sono alacremente a lavoro sulle loro postazioni per fornirci la spiegazione “non manipolata” di quello che è successo davvero all’aereo caduto in Francia. Il suggerimento che i ricercatori della verità ci stanno lanciando è il seguente: quando la realtà è troppo brutta per poter essere credibile meglio inventarsene una per certi versi ancora più terrificante ma sulla quale si può esercitare ancora una qualche forma di controllo. Se venisse confermata la versione data dalle autorità francesi ricostruita in base all’analisi delle registrazioni audio contenute in una delle due scatole nere dell’Airbus della Germanwings i nostri eroici complottisti si troverebbero di fronte ad un evento inconcepibile. Si tratta della possibilità che esistano eventi non prevedibili e non iscrivibili all’interno delle perfide trame del NWO che ordinano il mondo in cui abitano. Quanto è umanamente difficile pensare che un uomo, per motivi per il momento inspiegabili, abbia deciso di uccidere 149 persone e quanto invece è rassicurante pensare che tutto si possa spiegare ricorrendo a qualche “strana coincidenza” o alle solite teorie del complotto? Pensare che sia colpa di un’organizzazione segreta (che però tutti conoscono) che vuole dominare il mondo ma che ogni volta che fa qualcosa è sempre identificabile è una teoria che sembra tranquillizzare i teorici delle cospirazioni.

Tutta colpa delle scie chimiche anche questa volta. (fonte: Facebook.com)
Tutta colpa delle scie chimiche anche questa volta. (fonte: Facebook.com)

 
QUI TANKER ENEMY A TORRE DI CONTROLLO RISPONDETE, PASSO!
Il primo ad uscire con una serie di ipotesi di complotto è stato il gran capo dei meteorologi italiani: Rosario Marcianò che prima ancora che iniziasse a circolare una versione ufficiale ci ha spiegato nei dettagli come in realtà l’aereo della compagnia low-cost tedesca fosse impegnato ad irrorare i cieli del sud della Francia con le scie chimiche quando “qualcosa è andato storto”. In un post del 24 marzo 2014 (prima inquietante coincidenza, giusto un anno prima dell’incidente) Marcianò aveva rivelato come le compagnie aeree low-cost in realtà siano una copertura per le criminali attività di spargimento delle scie chimiche, come spiegare altrimenti i prezzi così bassi dei biglietti? C’è però qualcosa che Marcianò non ci dice, e se gli agenti del NWO avessero letto il suo blog e avessero organizzato un’incidente aereo esattamente un anno dopo per mandargli un messaggio in codice? La coincidenza è sospetta e per quanto inverosimile l’ipotesi non va scartata a priori, come ci insegnano i complottisti.
Un anno fa Tanker Enemy ci aveva spiegato tutto e nessuno l'aveva ascoltato!
Un anno fa Tanker Enemy ci aveva spiegato tutto e nessuno l’aveva ascoltato!

Tante ipotesi e una sola certezza, la versione ufficiale è una “cazzata”, si tratta di un depistaggio per nascondere la verità che tutti sanno ma che i giornali non vogliono raccontare. Si tratta “semplicemente” di un episodio sindrome aerotossica causata dalla contaminazione dell’area in cabina di pilotaggio dai fumi dei composti usati per lo spargimento delle scie chimiche!1 I piloti avrebbero perso i sensi e non sarebbero riusciti a lanciare l’allarme. Naturalmente una cosa del genere si scontra con la versione diffusa dalla procura secondo la quale sono state ascoltate delle voci in cabina di pilotaggio.
cazzate aereo caduto  - 1
I misteri sono molti, il profilo Facebook del pilota che è stato cancellato:
Qualcuno sa qualcosa
Qualcuno sa qualcosa

E naturalmente la scena del disastro che è molto simile ad un set cinematografico (sarà stato usato lo stesso del finto sbarco sulla Luna?)
Da un'attenta analisi dei commenti questa ci sembra proprio una cazzata
Da un’attenta analisi dei commenti questa ci sembra proprio una cazzata

 
HO VISTO RAGGI LASER BALENARE NEL CIELO FRANCESE
Il mondo complottista è diviso però, c’è chi crede che le cose non siano andate nemmeno come le racconta Marcianò. In realtà, dicono i soliti bene informati, ad abbattere il volo Germanwings non è stato il co-pilota e non sono state le scie chimiche: è stato un raggio laser. La fonte è un pezzo apparso su Russia.it secondo il quale si tratterebbe di un errore compiuto dall’Air Force USA durante una fase di addestramento all’uso di armi laser.

Ministero della Difesa russo (MoD) segnalava che dispacci della Flotta del Nord (NF) sembravano indicare che l’abbattimento del Volo 4U9525 della Germanwings, nel sud della Francia sia il “risultato diretto” di un fallito test dell’US Air Force con il suo High Energy Liquid Laser Area Defense System (HELLADS) nel tentativo di abbattere un veicolo di rientro di un ICBM, ma che invece ha distrutto l’aereo civile uccidendo i 150 passeggeri a bordo. Secondo il rapporto del MoD, la Flotta del Nord, già in allerta, fu avvertita dell’incidente dalla nave antisom Severomorsk, attualmente operativa nel Mediterraneo, che aveva riferito di diffuse anomalie elettriche atmosferiche rilevate sul sud della Francia, l’Italia occidentale e il sud-ovest della Svizzera.

Ed ecco che iniziano ad arrivare gli amici della Russia:

Laser ovunque e immancabili analisi delle foto dell'area del disastro
Laser ovunque e immancabili analisi delle foto dell’area del disastro

Seguiti dagli amici di Lo Sai che ormai si dedicano più al clickbaiting che a svelare misteri e complotti:
Lo sai che i laser son caldi caldi caldi
Lo sai che i laser son caldi caldi caldi

Mentre quelli di Scienza di Confine non hanno ancora deciso se credere alla teoria delle scie chimiche assassine
In un poster della Germanwings pubblicità occulta alle scie chimiche  (nel senso che si vedono delle nuvolette eh)
In un poster della Germanwings “pubblicità occulta alle scie chimiche” (nel senso che si vedono delle nuvolette eh)

o a quella del raggio laser mortale (scelta davvero difficile)
cavolo e adesso quale scelgo?
cavolo e adesso quale scelgo?

La cosa divertente è che la fonte della notizia è questo sito dove a corredo dell’articolo e a dimostrazione che cose come queste sono già accadute è postata anche una “foto satellitare” del missile che avrebbe abbattuto il volo MIH17 sui cieli ucraini lo scorso anno. Peccato che quella foto sia un fotomontaggio malriuscito.
 
E PER NON FARCI MANCARE NULLA..
Ad aprire le danze è stato Il Tempo questa mattina presto: nella lista dei passeggeri c’era una donna che lavorava per il Pentagono!!1
yvonne selke complotto
Questa interessante teoria si è diffusa negli USA non appena è stata resa nota la lista delle vittime. Dal momento Yvonne Selke (che viaggiava in compagnia di sua figlia) lavorava per Booz Allen Hamilton all’interno di un progetto in collaborazione con la National Geospatial-Intelligence Agency del Pentagono hanno iniziato a circolare le solite teorie del genere “cosa ci faceva una spia a bordo dell’aereo?”. L’occasione era davvero troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire, la Selke era una delle manager del progetto e il suo impiego nell’ambito della raccolta informazioni e la sua presenza sul volo diretto a Est (quindi ovviamente si è pensato subito all’Ucraina) sono diventate subito “coincidenze sospette”.
https://www.youtube.com/watch?v=mTr1LJ0wfNs#t=77
Infatti ci sono cascati BlitzQuotidiano, Leggo e il Giornale. Qualcuno offre di più? Certo, il Giornale con le inquietanti coincidenze tra la vicenda del co-pilota tedesco e una sequenza dell’ultimo film di Almodovar.
Grande giornalismo italico
Grande giornalismo italico