Attualità

La furia di Pregliasco che sbrocca con Francesca Donato: “Basta str…te!” | VIDEO

L’eurodeputata Francesca Donato è riuscita nell’impresa di fare perdere la pazienza anche a Fabrizio Pregliasco: lo scontro in diretta tv a L’aria che tira.

pregliasco donato video scontro aria che tira

L’eurodeputata Francesca Donato è riuscita nell’impresa di fare perdere la pazienza anche a Fabrizio Pregliasco: lo scontro in diretta tv a L’aria che tira.

 Pregliasco Donato, lo scontro a L’aria che tira: “Basta str…te!” | VIDEO

Come sempre l’oggetto del contendere è la validità dei vaccini anti COVID. Quello che non è chiaro è come mai nessuno degli esponenti a sostegno delle tesi no pass e no vax non abbia chiarito come mai a ridosso del Natale quest’anno siamo ancora liberi di uscire e vivere pressoché normalmente mentre lo scorso anno parlavamo di coprifuoco e restrizioni.

Comunque tutto è iniziato quando Donato ha provato a esporre le sue tesi: “Sulla decisione di chiedere i tamponi anche ai vaccinati, nell’ottica di contenere i contagi non posso che essere d’accordo, perché ormai è evidente che anche con la terza dose, ci si infetta e poi anche in maniera più lieve, anche nei non vaccinati il 98% delle infezioni è sempre stata asintomatica, anche prima del vaccino e tuttora lo è, e la variante omicron è più lieve come sintomatologia ad oggi, rispetto alla delta, quindi spargere il terrore è un controsenso, anche perché autorevoli scienziati la vedono come una possibilità per poter immunizzare la popolazione e si sa che l’immunità da guarigione, piuttosto che quella data da questi cosiddetti vaccini, è un’immunità vera. E a quel punto Pregliasco si è infuriato e ha sbottato: “E ancora con questi cosiddetti vaccini? ma perché dice sempre scemenze, non è accettabile dire stronzate ogni volta, per favore, basta”. Il mistero più grande comunque rimane sempre quello della presenza di Francesca Donato in trasmissione. Pregliasco, che successivamente si è scusato per i modi, ma non per la sostanza della sua risposta, ha continuato a sottolineare come gli interventi dell’ex leghista fossero strumentali e insinuassero la non validità dei vaccini.