Cultura e scienze

Il mistero del lampo nei cieli russi

Una luminosa esplosione è stata filmata da diverse persone nel cielo nella regione russa di Sverdlovsk nell’area circostante la città di Ekaterinburg sopra la città di Rezh. Due video, girati entrambi l’11 novembre scorso, mostrano un’improvvisa esplosione luminosa. Ad un certo punto un enorme bagliore squarcia il cielo notturno, dai video non è possibile sentire il suono della deflagrazione.

Il momento dell'esplosione (fonte: YouTube.com)
Il momento dell’esplosione (fonte: YouTube.com)

 
IL VIDEO DELLA MISTERIOSA ESPLOSIONE

Secondo quanto scritto su Lunar Meteorite Hunter, un sito di appassionati di meteoriti, sarebbe da escludere la possibilità che i bagliori siano causati dall’ingresso di una meteora nell’atmosfera terrestre. Il sito riporta l’opinione di uno dei membri della Royal Dutch Astronomy Association, il Dott. Marco Langbroek. Langbroek ha un PhD in archeologia e si diletta di astronomia e meteore, questo il suo commento riguardo ai video russi:

Osservando il video, sembra che la persona che ha filmato la scena stesse già prestando attenzione a cosa stava accadendo prima dell’evento. Nel video si può vedere una luce rossa pulsante ma in una posizione fissa che ad un certo punto diventa molto luminosa. Il picco di luce, che dura diversi secondi, sembra anch’esso fermo in cielo. Quindi questo eventi, qualsiasi cosa fosse, non sembra muoversi durante tutta la durata del video. La mia ipotesi è che sia qualcosa proveniente dalla Terra. Secondo me sembra un incendio o una serie di piccole esplosioni con una successiva esplosione di dimensioni maggiori il cui bagliore si riflette sulle nuvole soprastanti.

Langbroek fa anche riferimento ad un sito di news russe, secondo il quale (o meglio secondo la traduzione di Google Translator) vicino alla zona dove è stata osservata l’esplosione c’è una fabbrica di prodotti chimici. L’ANSA riporta che le autorità locali ritengono si tratti di un’operazione dell’esercito per far brillare degli esplosivi ma l’esercito nega dicendo che non c’erano unità militari in quella zona l’11 novembre. Altra ipotesi è il già citato meteorite, che secondo l’astronomo Viktor Grkhovski sarebbe esploso nell’atmosfera e non sarebbe stato visibile a causa delle nuvole molto basse. Secondo un altro astronomo (Vadim Krushinksy) il colore del bagliore lumuniso non sarebbe però quello caratteristico emesso dall’esplosione di un corpo celeste e potrebbe trattarsi di un razzo lanciato dal cosmodromo di Plesetsk. L’agenzia spaziale russa ha però smentito questa possibilità, l’ultimo lancio effettuato da Plesetsk risale al 29 ottobre, il prossimo avrà luogo il 24 novembre.

IL METEORITE DEL 2013
A qualcuno senza dubbio sarà venuto in mente l’episodio dello scorso anno. Il 15 febbraio 2013 un meteorite cadde vicino a Celiabinsk, negli Urali. L’onda d’urto dello schianto di quel meteorite causò oltre 1000 feriti (principalmente a causa dei vetri andati infranti con l’esplosione) e danneggiò diversi edifici.