Cultura e scienze

«Matteo Renzi vuole votare a marzo»

grillini civati

Silvio Berlusconi è preoccupato. Secondo Tommaso Labate, che ne parla sul Corriere, l’ex premier crede che Matteo Renzi gli stia chiedendo alcune modifiche sull’Italicum perché ha intenzione di portare l’Italia al voto presto, prestissimo. Prima che il centrodestra possa organizzarsi, come spiega l’articolo, e trovare un candidato credibile che possa contrastarlo. E prima che Matteo Salvini possa varare la Cosa Nera con Casapound e compagnia bella.

«Oggi ho avuto la sensazione che Renzi voglia andare a votare a marzo. Ne sono quasi certo, ormai». Non l’aveva mai fatto, quantomeno negli ultimi mesi. Neanche in privato Silvio Berlusconi aveva attribuito al premier l’intenzione di voler accelerare la corsa verso le urne. Eppure ieri, quando rientra dal vertice di Palazzo Chigi e s’infila in una riunione con Letta, Verdini e Ghedini, l’ex Cavaliere la dice come prima cosa. Aggiungendo che «noi, l’arma della legge elettorale, non possiamo concedergliela adesso».

Non solo: c’è chi immagina anche scenari piuttosto fantasiosi, nei quali Forza Italia farebbe convergere i suoi voti sul Partito Democratico in funzione anti-M5S:

Tra i forzisti, la paura che Renzi tiri fuori la clausola segreta per modificare l’articolo 2 della legge elettorale, quella che estende la legge anche al Senato, è molto alta. Sarebbe la certificazione che, come ripete l’ex Cavaliere, «il premier vuole andare al voto a marzo». Il premio alla lista piuttosto che alla coalizione, paradossalmente, è il tema minore. Tra i berlusconiani, al riparo da microfoni, c’è chi teorizza che a Forza Italia converrebbe arrivare «terza e non seconda» perché così, all’eventuale ballottaggio,sposterebbe i voti sul Pd (e non sul M5S) guadagnandosi un posto in maggioranza dopo. Ma sono teorie, per adesso. Solo teorie. Berlusconi,ora, pensa solo a come fare melina. E a come non concedere all’inquilino di Palazzo Chigi «l’arma per votare subito».