Attualità

Il dissing tra Marracash e Fedez sul “chi può parlare di cosa”

Lo scontro è partito da un’intervista rilasciata da Marracash a Il Corriere della Sera. E Fedz ha replicato su Instagram

Marracash Fedez

Nel mondo del rap si chiama dissing: si tratta di una discussione che si risolve a distanza alternando le barre e le strofe che coinvolgono due cantanti. Il termine poi è stato esteso anche ad altri ambiti, ma torna a essere d’attualità parlando della lite a distanza (l’ennesima) tra Marracash e Fedez. Tutto parte da una canzone inserita nel nuovo album appena pubblicato da Fabio Bartolo Rizzo (in arte Marracash). In “Cosplayer”, infatti, c’è questo riferimento: “Dio mi salvi dalle commedie, dai cosplayer, da chi sposa la causa solo quando gli conviene (Ah) Dai politici sempre più simili ad influencer Finché non candideranno loro direttamente […] Dio proteggimi da loro (Please) dal biondo patriota, sui social si prodiga per noi ma in realtà è il più merda come il Patriota in The Boys (Eh, questa era pesa)”.

Marracash-Fedez, ancora una discussione tra i due rapper

Riferimenti che, inevitabilmente, fanno pensare a Fedez. E la conferma è arrivata nell’intervista rilasciata oggi da Marracash a Il Corriere della Sera:

“Non è una cosa personale. Io e lui abbiamo visioni della vita opposte e antitetiche. Lui rappresenta quelli che si impegnano oggi per una cosa e domani per un’altra senza avere credibilità, senza conoscere il problema. Io posso parlare di galera perché conosco chi ci è andato. Elodie può parlare di gay perché lo sono persone della sua famiglia”.

Il dissing Marracash-Fedez non finisce qui. Perché il rapper di Rozzano ha prontamente risposto attraverso alcune stories pubblicate su Instagram.

“Dispiace leggere da una persona come Marracash che reputo intelligente e sensibile una frase così. Non conosci le storie dei membri della famiglia, ma non è questo il punto che mi stranisce della tua affermazione. Spesso io ed Elodie ci siamo spesi per le medesime battaglie e ho sempre apprezzato quello che ha fatto – si legge nelle stories Instagram di Fedez -. Se trovo divertente la frase ‘parlo di galera perché conosco chi ci è stato’ che è un po’ come dire: ti sistemo io l’impianto elettrico perché mio zio è elettricista’. Trovo molto pericoloso dire ‘Elodie può parlare di gay perché lo sono membri della sua famiglia’ perché sarebbe come dire che ‘per le discriminazioni razziali si possono battere solo le persone nere e i loro parenti’”.

(foto: da Instagram)