Attualità

Le “risorse” di Laura Boldrini che secondo Mario Giordano hanno ucciso il carabiniere

Notevole figurella del giornalista che cerca di diffondere il razzismo in Italia: l’accusa alla Boldrini prima della scoperta degli assassini

mario giordano risorse boldrini

Il sempre molto attendibile Mario Giordano ieri non poteva assolutamente esimersi dal cercare di fare un po’ di sciacallaggio sulla morte del carabiniere Mario Rega Cerciello e in questo video dice che a ucciderlo sono stati “due nordafricani”, ovvero “due risorse, come direbbe Laura Boldrini“.

La risposta di Laura Boldrini sulla sua pagina Facebook:

Mario Giordano, stamattina ho visto questo video sulla rete e vorrei dirti delle cose. È stato ucciso un carabiniere, un ragazzo di 35 anni. Ti saresti potuto unire al cordoglio del Paese e rispettare il dolore della famiglia e invece dopo poche ore avevi già strumentalizzato e speculato sulla tragedia via Facebook.

Avresti potuto evitare di usare il mio nome per associarlo a quello di chi uccide. Perché io con i criminali non ho mai avuto niente a che fare e nella mia vita non ho mai infranto la legge. Perché le “risorse” per me sono le persone che contribuiscono al benessere della comunità facendo il proprio dovere e rispettando le regole. Mario Cerciello Rega era una persona così.

Lo sai che si era sposato da poco tempo? Ti chiedo di immaginare per un attimo cosa stanno provando sua moglie e i suoi cari in questo momento. Pensaci. Pensa a loro, non a me, se davvero sei addolorato per quello che è successo.

Seguendo il ragionamento della Boldrini, evidentemente Mario Giordano non è una risorsa.

Leggi anche: «Cosa ci nascondono?»: i sovranisti non credono alla confessione dell’americano sul carabiniere ucciso