Opinioni

Maria Elena Boschi a rischio a Bolzano?

Nei giorni scorsi abbiamo raccontato della candidatura di Maria Elena Boschi nel collegio uninominale di Bolzano – dopo le boutade della sua candidatura a Pomigliano – che sembrava ormai cosa fatta nonostante le polemiche sulle autonomie locali. Nel frattempo però le trattative ancora in corso tra Matteo Renzi e la minoranza Pd ha fatto saltare la presentazione della candidatura di Elena Maria Boschi a Bolzano. L’arrivo della sottosegretaria nel capoluogo altoatesino in un primo momento era atteso per questo pomeriggio, ma all’ultimo la seduta della direzione nazionale è stata spostata alle ore 16 per consentire al segretario di trovare un accordo soprattutto con gli orlandiani. La Boschi a questo punto potrebbe venire a Bolzano solo lunedì prossimo.
maria elena boschi
Il Partito Democratico sta guerreggiando al suo interno per le candidature della minoranza PD, considerate troppo poche da Orlando ed Emiliano. Anche in Liberi e Uguali c’è maretta, tanto che Possibile minaccia una (impossibile) scissione. Nel frattempo il Partito Democratico ha annunciato la candidatura di Tommaso Cerno, ex direttore de L’Espresso e condirettore di Repubblica. La proposta alla minoranza prevederebbe, a quanto si apprende, attorno ai 15 seggi sicuri per l’area Orlando e tra i 6 e i 7 per la componente di Emiliano. I numeri prospettati da Renzi, secondo gli esponenti della minoranza, non rispecchierebbero gli equilibri congressuali. Ma dalla maggioranza del partito si fa notare che un ‘sacrificio’ nelle candidature sarà richiesto a tutti, dal momento che la pattuglia parlamentare del PD è destinata ad assottigliarsi rispetto a questa legislatura. Di primo mattino è ripreso il lavoro sulle liste al Nazareno e nuovi contatti sono previsti con la minoranza e gli alleati della coalizione. La direzione convocata per dare il necessario via libera alle liste è intanto slittata dal mattino alle 16.