Cultura e scienze

«Il M5S al 2%? Colpa dei calabresi»

Mentre la faida interna al MoVimento 5 Stelle in Calabria prosegue allegramente, l’ex candidato sindaco grillino Vincenzo Giordano parla con Repubblica delle responsabilità per la sconfitta. E, come è abitudine per il MoVimento, se la prende con gli elettori che non hanno capito la sua proposta politica. Tutto parte dal paragone tra elezioni politiche e comunali.
vincenzo giordano movimento 5 stelle

Ma per il candidatosindaco, Vincenzo Giordano, la cui lista aveva battuto quella del meet up concorrente grazi ealle “comunarie” sul blog, «i due risultati non sono paragonabili,e la colpa è di questa città, che vota solo amici e parenti».
Il risultato è disastroso, non crede di dover fare autocritica?
«Se va sul profilo Facebook di Giordano Vincenzo la trova. Non siamo stati capaci di convincere quei 53mila cittadini che si sono astenuti. Il voto per il Movimento era lì, le nostre battaglie sui tributi locali e sulla mafia non sono bastate».
Si è votato mentre Grillo diceva che la mafia aveva una morale.
«Faccio parte di Libera, nonposso condividere quelle parole,ma voi le decontestualizzate,non capite l’ironia».

Leggi sull’argomento: La faida nascosta nel Movimento 5 Stelle in Calabria