Cultura e scienze

Luigi Negri: il prete che si augura un miracolo per togliere di mezzo Bergoglio

luigi negri

Monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara che vede in Papa Francesco un nemico, è stato “captato” su un treno Frecciarossa mentre si augurava “un miracolo” per Bergoglio come quello accaduto per Papa Luciani. L’articolo che racconta gli sproloqui del Monsignore è pubblicato a firma di Loris Mazzetti sul Fatto Quotidiano di oggi:

“Speriamo che con Bergoglio la Madonna faccia il miracolo come aveva fatto con l’altro”. Il riferimento a papa Luciani è appena velato. La frase è dell’arcivesco vo di Ferrara, Luigi Negri, alto prelato in profondo disaccordo con Francesco e punto di riferimento di Comunione e Liberazione. Negri, allievo di don Giussani, è anche noto per aver contestato la magistratura quando incriminò Berlusconi per il caso Ruby. A chi allora gli fece notare che gran parte del mondo cattolico era indignato sulla vicenda delle Olgettine, rispose: “L’indignazione non è un atteggiamento cattolico”.

profezia nostradamus giubileo papa francesco parigi - copertina
Come mai Negri, esponente di Comunione e Liberazione, è così arrabbiato con Bergoglio? Il Fatto lo spiega:

Il motivo della sua contestazione: le recenti nomine di Papa Francescoa Bologna e Palermo, diocesi per anni in mano a Cl, dei vescovi Matteo Zuppi e Corrado Lorefice, due preti di strada. Monsignor Negri, il 28 ottobre, sul Frecciarossa partito da Roma-Termini (testimoni oculari hanno riferito l’accaduto), ha dato libero sfogo ai suoi pensieri a voce alta, come pare sia sua abitudine, incurante dei pochi presenti nella carrozza di prima classe, con il suo segretario, un giovane pretino dal look della curia che conta, doppio telefonino, pronto a filtrare le telefonate dell’arcivescovo. “Dopo le nomine di Bologna e Palermo –sbotta – posso diventare Papa anch’io. È uno scandalo. Incredibile, sono senza parole. Non ho mai visto nulla di simile”.