Cultura e scienze

Louder Than Words: il primo pezzo del nuovo album dei Pink Floyd

pink floyd the endless river

Louder than Words, unico pezzo cantato di The Endless River, nuovo album dei Pink Floyd, si può ascoltare in radio e su internet in attesa dell’uscita del nuovo lavoro, previsto per il 10 novembre.


Dell’album era già uscita un’anticipazione di trenta secondi, mentre nel nuovo disco ci sarà una canzone in cui si sente la voce di Stephen Hawking. The endless river, spiega il sito dei Pink Floyd, nasce dalle session di Division Bells agli Astoria Studios, dove il gruppo non aveva messo più piede dall’epoca dello storico Wish You Were Here negli anni Settanta. Nel 2013 David Gilmour e Nick Mason hanno riascoltato la musica uscita da quelle sessioni e deciso che alcune delle tracce inedite avrebbero dovuto entrare a far parte del repertorio dei Pink Floyd. Le registrazioni dell’epoca sono le ultime in cui i tre, senza Roger Waters, hanno suonato assieme prima della morte di Wright per cancro. La band si è chiusa in studio nell’ultimo anno per dare una forma finale a quegli abbozzi di canzoni, sfruttando tutti i vantaggi della moderna tecnologia per creare The Endless River.
Sulla canzone Gilmour ha detto: ««La musica di Louder Than Words è presa da quelle ultime registrazioni di noi 3 che suoniamo insieme all’Astoria con le stravaganti tastiere di Rick, che mi fanno pensare che non ci si rende mai conto di quello che si ha fino a che non lo si perde. Quando abbiamo iniziato a lavorare a questo nuovo album, ho chiesto a Polly (Samson) di scrivere i testi. Ma, secondo lei, quello che le avevo fatto sentire non aveva bisogno di parole, che ascoltarci suonare era più interessante di qualunque testo. Alla fine ha scritto le parole solo di questa canzone che esprime, credo in maniera magnifica, la magia che si crea quando noi tre (David, Nick e Rick) suoniamo insieme e che questa magia è più potente di ogni parola»