Cultura e scienze

La poesia letta da Flavio Insinna ai funerali di Frizzi non è di Borges

borges insinna amicizia funerali frizzi renzi - 5

Due giorni fa ai funerali di Fabrizio Frizzi Flavio Insinna ha commosso tutti leggendo una poesia dal titolo “Amicizia”. Frizzi e Insinna non erano solo due colleghi, erano amici da anni. Insinna ha spiegato che la stessa poesia era stata dedicata a Frizzi da un gruppo di amici e colleghi durante una delle ultime serate passate insieme. Insomma, al di là del testo, che parla appunto dell’amicizia, questa poesia aveva un significato particolare per Frizzi e i suoi amici.

Flavio Insinna non ha mai detto che la poesia è di Borges

«Un piccolo grazie a lui che ringraziava sempre tutti», così ha esordito Insinna durante il funerale prima di leggere il suo ringraziamento all’amico Fabrizio Frizzi. Non ha detto di chi era il testo, non ha detto nemmeno il titolo lo ha semplicemente letto. Ha letto una poesia che per lui aveva un significato particolare e che lo legava al ricordo dell’amico scomparso. I giornali poi, nel raccontare la cronaca di quella giornata, hanno riportato il testo della poesia attribuendola al poeta e scrittore argentino Jorge Luis Borges.

borges insinna amicizia funerali frizzi renzi - 3

Lo hanno fatto quasi tutte le testate che hanno parlato del commovente addio a Fabrizio Frizzi. Perché se si cercano i primi versi della poesia su Google molti risultati la attribuiscono a Borges.

borges insinna amicizia funerali frizzi renzi - 2

La poesia però non è di Borges. Il poeta argentino non ha mai scritto una poesia dal titolo “Amicizia” né ha scritto quei versi. Da tempo quel testo apocrifo però circola su Internet con l’attribuzione a Borges, il quale, essendo morto 32 anni fa, non ha mai potuto smentire. E del resto non si può pretendere che Insinna conosca tutta la – monumentale – produzione poetica di Borges.

borges insinna amicizia funerali frizzi renzi - 4

I giornali, che avrebbero dovuto verificare la notizia prima di pubblicarla, hanno riferito che Insinna ha letto una poesia di Borges dal titolo “Amicizia”.

Quando Matteo Renzi ha letto “Amicizia” in Argentina dicendo che era di Borges

A complicare le cose, per i giornali c’è il fatto che 15 febbraio 2016 durante la Lectio Magistralis alla facoltà di scienze economiche dell’Università di Buenos Aires l’allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi lesse la poesia dal titolo «L’amistad» attribuendola esplicitamente a Borges. Renzi esordì infatti dicendo: «Non c’è parola più grande dell’amicizia per descrivere la storia di popoli diversi e allora vorrei leggere alcuni vresi di Borges quando nel poema “L’amistad” dice…» e imbarcandosi addirittura in un’esegesi della finzione dicendo che quell’amicizia era «l’amicizia che Borges provava nei confronti della letteratura».

All’epoca ci fu chi fece notare che la poesia non era di Borges e che la pronuncia di Renzi era terribile. Il caso di Renzi è simile a quello di Insinna, e al tempo stesso diverso. Diverso perché cita esplicitamente Borges, simile perché probabilmente nemmeno Renzi ha letto tutto Borges, e qui la responsabilità pptrebbe essere dei suoi addetti stampa che gli hanno preparato il testo da leggere. A scanso di equivoci il titolo del video di Renzi che legge malamente una poesia di un anonimo è ironico: Borges era cieco (lo era diventato negli anni Sessanta), non sordo.

Foto copertina via YouTube