Cultura e scienze

Il servizietto di Nadia Toffa agli anti-vaccinisti

Ieri durante la seconda puntata di Openspace (il programma dellaggente condotto da Nadia Toffa) si è parlato di vaccini. Fermo restando che le vaccinazioni pediatriche sono ancora obbligatorie e che in Italia per quanto riguarda alcune forme di vaccinazione è stato registrato un preoccupante calo al di sotto della soglia minima di copertura vaccinale ieri a Open Space il tema è stato affrontato nel modo più sbagliato possibile.

vaccini di next-quotidiano

Il senso di Red Ronnie per i vaccini

In studio è appena stata fatta entrare Alice Pignatti, la mamma che ha iniziato una campagna a favore delle vaccinazioni pediatriche e dopo le presentazioni di rito si passa ad un’intervista telefonica con il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Intervista molto breve e con molti tagli, in perfetto stile Iene dove la Ministro è riuscita a dire almeno due cose: che i vaccini servono per salvaguardare la salute dei nostri figli (e dei figli degli altri) e che non esiste alcuna correlazione tra vaccini e autismo. Subito dopo si passa a intervistare Red Ronnie che rappresenta il movimento degli anti-vaccinisti (degli sciachimicari e degli sciroccati in genereale). Red ci spiega che ci si deve curare con gli oli essenziali e con i rimedi naturali e che si può fare assolutamente a meno dei vaccini (e dei medici). Lo scopo dell’intervista a Red Ronnie subito dopo quella al Ministro? Nessuna, solo quella di fare confusione e introdurre meglio il tema della serata che non sono i vaccini ma le tifoserie sui vaccini. Un modo insomma per far suggerire implicitamente che la ragione non sta da nessuna parte.

Cosa ne pensa la comunità scientifica?

Ma Nadia Toffa è una seria, una che va a parlare al CICAP, e quindi sa bene come fare divulgazione scientifica. Ecco che finalmente arrivano gli esperti (uno per parte) la Professoressa Susanna Esposito, docente di Pediatria all’Università Federico II di Napoli a difendere le ragioni delle vaccinazioni pediatriche obbligatorie e il Professor Stefano Montanari per la parte anti-vaccinista che a quanto pare è l’uomo che detiene il record del maggior numero di vaccini analizzati (BEN VENTOTTO VACCINI SIGNORE E SIGNORI). L’idea della Toffa è quella di far vedere come la comunità scientifica sia spaccata riguardo il tema dei vaccini, quando in realtà non è così. I vari Montanari e Gava non rappresentano l’altra metà del cielo del mondo dei medici ma una componente minoritaria che opera e agisce al di fuori dei principi basilari della ricerca scientifica. Dietro a Montanari, che denuncia complotti a suo danno, c’è però laggente (che ricordiamolo è lo sponsor del programma della Toffa. Ecco quindi che una persona che non ha pubblicato nulla di scientificamente rilevante in materia di vaccini può andare in trasmissione ed essere messo sullo stesso piano di una ricercatrice esperta di infettivologia pediatrica. Come spiega la professoressa Esposito e ribadisce Italia Unita per la Scienza in un post su Facebook gli “studi” di Montanari non sono stati pubblicati su alcuna rivista scientifica (ha pubblicato però un libro!1). Ma non solo, i tempi televisivi del programma non consentono che lanciare pochi brevi slogan “pubblicitari” vengono presentati dati? Schede informative? No, perché alla fine la Toffa vuole che la disputa sui vaccini venga ridicolizzata il più possibile (sto ancora cercando di capire cosa c’entra Red Ronnie) e i dati avrebbero dimostrato che la verità sta da una parte sola. Così invece i due esperti sono stati messi sullo stesso piano (e il Ministro su quello di Red) e laggente va in visibilio. E quando “la scienza” è costretta a misurarsi con i metodi dei ciarlatani indovinate chi ha la meglio? Esatto. Complimenti Nadia.