Cultura e scienze

«Il governo complice degli immigrati assassini»

Le parole di Rosita Solano, figlia di Vincenzo e Mercedes, i coniugi assassinati durante un furto in casa a Palagonia, nel Catanese, accusa il governo di essere in parte responsabile della loro morte. “Basta accogliere gli extracomunitari”, dice la donna ai microfoni di Studio Aperto dopo l’arresto di un giovane ivoriano ospite del Cara di Mineo.

Per il duplice omicidio la polizia di Stato, su disposizione della Procura di Caltagirone, ha fermato un ivoriano di 18 anni, Mamadou Kamara, dall’8 giugno scorso ospite del Cara di Mineo. L’hanno trovato in possesso di un cellulare della vittima e con indosso i vestiti di Vincenzo Solano, i suoi erano sporchi di sangue e si è cambiato. Una rabbia quella di Rosita, condivisa da tutta la famiglia Solano, anche dalla sorella Manuela. Assieme stanno valutando “se esistono i presupposti giuridici per denunciare lo Stato come responsabile”. Le frasi della donna, comprensibilmente shockata per l’accaduto e addolorata, hanno chiamato in causa il governo Renzi, ritenuto responsabile – non si capisce in che senso – per l’accaduto. Ma quel che è molto più… pittoresco – per così dire – è che la stampa di destra italiana ha subito colto la palla al balzo per sfruttare la situazione. Questo è il titolo di apertura del Giornale di Alessandro Sallusti:
rosita solano 2
 
Questo invece è il titolo di Libero di Maurizio Belpietro:
rosita solano 1
 
Il Fatto invece la butta in politica e dice che a Mineo il colpevole è il Cara di Odevaine, facendo riferimento alle indagini sul centro (già a rischio commissariamento) e ai collegamenti con Mafia Capitale:
rosita solano 3
 
Tre modi diversi di sfruttare una tragedia. Tre tipologie di speculazione da sciacalli per due morti e per tanti voti in ballo. Che confermano che in Italia la situazione è disperata, ma non seria (cit.).