Cultura e scienze

Le guardie svizzere sono pronte a difendere il Papa dall'ISIS!

Possiamo stare tranquilli. Le guardie svizzere sono pronte a difendere il Papa dalla minaccia dell’ISIS, e lo annuncia Cristopher Graf, il loro capo, in un’intervista rilasciata oggi a Fabio Marchese Ragona per il Giornale:

Da settimane si sente parlare delle minacce dell’Isis contro il Papa: state più attenti rispetto al passato?
«Sì,chiediamo alle guardie di essere più attente, osservare bene i movimenti delle persone. Di più non possiamo fare. Ciò che è successo a Parigi può succedere anche qui, e non si può prevedere se non c’è un servizio di intelligence che ha informazioni precise».
E nel caso succedesse qualcosa sareste pronti a intervenire?
«Sì,si può dire: siamo pronti a intervenire. Il nostro compito è la sicurezza e siamo ben organizzati come i gendarmi. Anche loro sono pronti se succede qualcosa».

guardie svizzere papa 1

È possibile che il Papa pensi ad un ridimensionamento o ad uno scioglimento del corpo?
«No, il Papa ha una grande stima per la guardia svizzera, non c’è un segno in questo senso: nessuno scioglimento e nessun ridimensionamento, siamo già in pochi!(ride)».
Il Papa ha detto che dev’esserci più spazio per le donne nella Chiesa. E nella guardia svizzera?
«Per il momento non penso che sia possibile avere delle guardie donne».