Cultura e scienze

Gli sconti fiscali per chi dà soldi ai partiti

Uno sconto al fisco per chi dà soldi ai partiti. A chiederlo con tre emendamenti alla Legge di Stabilità 2015 è il deputato del Partito democratico Giovanni Sanga. Secondo la proposta, il versamento dei candidati e degli eletti alle cariche pubbliche nei confronti dei partiti politici si deve considerare erogazione liberale anche ai fine della detraibilità delle imposte sui redditi. Inoltre, a partire dal 2007, le erogazioni in denaro «effettuate a favore di partiti politici dai rispettivi candidati alle elezioni», purché siano tracciabili, «devono comunque considerarsi detraibili entro i limiti di importo previsti dal medesimo articolo alla data dell’erogazione».