Cultura e scienze

Gli autobus bruciano e in ATAC litigano sui biglietti di Manara

atac manara

Ieri, come d’abitudine (fa ridere ma è drammatico!) un autobus della linea 20 express è andato a fuoco al capolinea di Anagnina. Intanto il neo direttore generale dell’Atac, Bruno Rota, si è fatto sentire: «Non condivido assolutamente l’iniziativa dei biglietti con i disegni di Milo Manara e se avessi avuto la possibilità di dire mia l’avrei detta. Come su tutta un’altra serie di cose». Incredibilmente, la polemica del giorno su ATAC riguarda i biglietti dei bus con le immagini di Manara, 25mila strisce con le quattro tavole ispirate a opere di Gusrav Klimt e Alfons Mucha. La storia la racconta oggi il Messaggero:

«I soggetti proposti su un biglietto per il trasporto locale – dichiara ancora il manager – vanno scelti con maggiore accortezza». La faccenda è finita sul tavolo della sindaca Raggi, che ora si trova a dover vestire i panni della mediatrice. Da una parte l’assessore ai Trasporti Linda Meleo (che ieri l’altro ha postato su Facebook la nuova iniziativa pubblicitaria della municipalizzata) con l’amministratore unico Manuel Fantasia, dall’altra Rota, che già a Milano aveva portato avanti una battaglia per proibire i nudi nelle pubblicità del trasporto pubblico.
Marketing contro educazione civica? La vicenda ha portato ieri sera a un vertice in Campidoglio tra Raggi, Meleo e Rota. «Ma non abbiamo parlato – taglia corto il direttore generale di Atac – di questa cavolata dei biglietti di Manara, bensì di pulizia delle stazioni e dei nuovi bus e soprattutto della dipendente aggredita. Insomma, cose molto serie».


Cose talmente serie che dopo un anno di amministrazione nessuna di queste ha trovato una soluzione. Intanto, racconta Simone Canettieri, Rota e Fantasia sarebbero già ai ferri corti:

Un dualismo già visto per esempio in Ama, dove alla finestra dg e amministratore ne è rimasto uno solo (Antonella Giglio infatti è stata silurata). Questa volta, però, la storia non è detto che si ripeta. Ma nella cittadella di via Prenestina in molti da tempo hanno registrato «l’insofferenza» di Rota che da quando è arrivato ha passato il proprio tempo a studiare, chino su carte e bilanci. Riscontrando anomalie su anomalie.
Un benvenuto all’Atac, che forse l’ex manager di Atm non si aspettava. Soprattutto per via dei dissidi interni e liftati con Fantasia(sostenuto dalla Meleo). «Prima o poi la sindaca dovrà fare una scelta netta», è stato lo sfogo che Rota avrebbe consegnato ai fedelissimi.