Attualità

Fabrizio Ricca: il leghista che ruba i tappeti dalle sale di preghiera

Fabrizio Ricca è il capogruppo della Lega Nord al Consiglio Comunale di Torino. A Torino oggi si sta svolgendo una tavola rotonda sulla moda islamica (Modest Fasshion) presentato come “un incontro sugli investimenti di un settore in crescita“. L’evento è organizzato in partnership con il Global Islamic Economy Summit di Dubai e con il Turin Islamic Economic Forum la cui seconda edizione avrà luogo a Torino il 19 e il 20 ottobre.

Loro fanno la sala di preghiera per musulmani nel Comune di Torino e noi la chiudiamo.
Posted by Fabrizio Ricca on Tuesday, 28 July 2015

DAVA UN TONO ALL’AMBIENTE
Come segno di cortesia e rispetto per gli ospiti musulmani della tavola rotonda solo per oggi il Comune ha deciso di adibire la sala matrimonio a sala di preghiera. L’iniziativa non ha comportato nulla di più che l’affissione di un cartello sulla porta della stanza. Ma tutta questa islamizzazione della città non va certo a genio alla Lega. Il valoroso crociato Fabrizio ha deciso quindi di andare a rimuovere un tappeto che adornava il pavimento della sala per de-islamizzare il Comune di Torino. Fabrizio infatti è un bravo ragazzo cattolico che crede che sia sufficiente togliere un tappeto per impedire ai musulmani di pregare. Tentativo che non è andato a buon fine, perché il tappeto è stato restituito già sulla porta, ma ai leghisti piace il gesto, sono degli esteti dell’atto in sé, non certo della sostanza dei fatti. Un po’ come quei suoi compagni di partito che qualche anno fa andavano a versare urina di maiale sul terreno dei capannoni del Nord Est adibiti a moschea. Ma in fondo Fabrizio è così, mentre il Sindaco Fassino presenziava all’ Id al-Fitr, la festa di fine Ramadan della Comunità islamica torinese lui era sui monti a festeggiare il Pimenonte nella ricorrenza della vittoria della battaglia dell’Assietta (con tanto di rievocazione storica in costume).

Fabrizio Represents
Uno è xenofobo