Attualità

La prima studentessa italiana che si è laureata in Autostrada perché bloccata nel traffico

neXt quotidiano|

Elisa Santacroce

Problemi di traffico automobilistico e, fortunatamente, non di traffico dati. Questa è la storia di Elisa Santacroce che, nel suo piccolo, è diventata protagonista di un primato: è la prima studentessa che si è laureata in diretta dall’autostrada. La giovane, iscritta al corso di Servizio Sociale all’Università di Genova, era partita alle 7 di mattina da Caselle, in largo anticipo rispetto alle 12, orario in cui era prevista la discussione della sua tesi. Poi, però, un maxi-tamponamento sull’A26 l’ha tenuta bloccata nel traffico. L’ansia di quelle ore si è fatta incessante, fino al via libera per discutere il tutto in via telematica, direttamente dall’autostrada.

Elisa Santacroce, la studentessa che si laurea in autostrada

La 23enne di Caselle ha raccontato al quotidiano La Stampa quelle lunghe ore. Partita alle 7 di ieri, lunedì 7 febbraio, dalla sua casa di Caselle (in Piemonte) in compagnia del fidanzato. La convocazione era prevista per mezzogiorno a Genova dove avrebbe dovuto esporre – in presenza – la sua tesi dal titolo “Fenomeno della povertà. Storia, politiche e dati”. Poi quell’ingorgo all’altezza di Alessandria, colpa di un maxi-tamponamento. E quelle due ore e mezza di strada che dividono le due città diventano infinite. E lì, inevitabilmente, sale l’ansia. Poi la telefonata con il relatore e la proposta di utilizzare Microsoft Teams per la laurea a distanza, direttamente dall’Autostrada.

“Ero agitatissima. Ma credo che lo sarei stata anche in una situazione normale. Quando ho iniziato a parlare, mi sono tranquillizzata. Mi ero preparata bene e molto a lungo. Dopo i primi minuti, è stato semplice”.

La discussione è proseguita per diversi minuti, mentre qualcosa sulla strada si muoveva e il traffico ricominciava a scorrere. L’incidente era stato molto grave (provocando due vittime), ma dopo ore di soccorsi la situazione stava tornando alla normalità. E anche in quei momenti la tensione era alta: rimanere fermi per evitare di incontrare gallerie e far perdere la connessione, o rischiare. Allora sono intervenuti i carabinieri che hanno consigliato al fidanzato di Elisa Santacroce di procedere alle spalle di un Tir per poter mantenere un’andatura di crociera. Poi la proclamazione e la Laurea, prima dell’arrivo a Genova per scattare una foto ricordo, simbolo del momento.