Cultura e scienze

Il modo sublime con cui Bello Figo ha trollato Alessandra Mussolini e i razzisti

bello figo swag mussolini

Ieri sera su Rete 4 è andato in onda una puntata di Dalla Vostra Parte che farà la storia della televisione. Prima di parlare di quello che è successo ieri negli studi Mediaset vorrei invitare tutti a ringraziare Maurizio Belpietro per averci regalato bei momenti di SWAG, LOL WUT e puro situazionismo. Perché ieri in studio c’era il re della trap italiana Bello Figo Gu che ha dato una lezione di compostezza e di swag alla nipote del Duce Alessandra Mussolini.

Bello Figo e Alessandra Mussolini a “Dalla… di next-quotidiano

Cosa succede quando lo swag irrompe sulla scena politica italiana, e nessuno è preparato

Per chi non lo sapesse Bello Figo è un fenomeno musicale scoperto anni fa – quando ancora si faceva chiamare Gucci Boy – da Andrea Diprè. Nel corso di questi anni Bello Figo ha cantato una quotidianità strampalata fatta di levatacce mattutine, robuste colazioni a base di pasta col tonno – una caratteristica che pare essere comune a molti altri musicisti di successo – e un amore matto e disperatissimo per la propria persona. Ma non era per quello che Bello Figo era ospite di Belpietro ieri. Il direttore de La Verità infatti è rimasto molto colpito – e con lui tutta la redazione del programma di Rete 4 – dagli ultimi due video di Bello Figo, Non pago affitto e Referendum costituzionale, lo swag dove Figo invitava a votare di Sì al referendum perché a lui interessa avere la figa bianca, il wi fi gratis e i famosi 35 euro al giorno.
bello figo swag mussolini
Ora, che qualcuno possa prendere sul serio Bello Figo è già di per sé una notizia, ma che la Mussolini si inalberi per le cose che Bello Figo liberamente dice nella sua canzone è davvero più che ridicolo. Forse la Mussolini non vuole che il marito sappia che votando Sì al referendum Matteo Renzi metterà a disposizione figa bianca per tutti? È possibile, ma che dire della “scheda di presentazione” di Bello Figo che si conclude con un “«dee chiare e uno stile musicale nuovo hanno fatto la fortuna di Bello Figo, così anche in questo caso l’immigrazione è diventata un business».
bello figo swag mussolini belpietro
Non serve essere Umberto Eco per capire che la canzone di Bello Figo è una sonora presa per il culo di tutto quello che gli italiani, fomentati da certi politici, credono sia la vita dei profughi (che ci rubano il lavoro e il WiFi). Eppure ieri la Mussolini e Belpietro non ci sono riusciti e così è successo che mentre la Mussolini cercava continuamente di interrompere Bello Figo lui molto educatamente le ha spiegato il senso delle sue canzoni. Nessuno ieri, a partire dal conduttore, sembrava rendersi conto di quanto surreale fosse la situazione di attaccare un cantante come se rappresentasse tutta una categoria di persone che è decisamente eterogenea. Siamo dalle parti delle accuse a Fedez e Jax per aver cantato “e compreremo un altro esame all’università”.
bello figo swag mussolini
Ma anche Rosa Maria Di Giorgi, senatrice del Partito Democratico, sembra non aver capito nulla del fenomeno musicale che Bello Figo e ha parlato di lui come di una persona che ha trovato “un modo di intendere la permanenza in Italia per sfruttare la situazione”. Stiamo parlando di un ragazzo che è in Italia da dodici anni, la cui famiglia lavora e che non è proprio l’immigrato da mandare a casa perché non fa niente. È così difficile per la politica italiana accettare che ci sia un cantante di origine africana che metta alla berlina in modo assolutamente demenziale le opinioni degli italiani? Vent’anni fa Elio e le Storie Tese cantavano La terra dei cachi a Sanremo ma sembra di tornare alla censura del 1991 al concerto del primo maggio. Quali leggi o regole ha infranto Bello Figo, a parte il buongusto?
bello figo swag mussolini belpietro
Dopo la puntata di ieri possiamo dirlo, Bello Figo sta alla situazione politica italiana come il Blues cantato dagli schiavi neri all’America schiavista. Belpietro, che lavora per Berlusconi e si scandalizza perché il ragazzo vuole portarsi ragazze bianche in albergo, è solo la ciliegina sulla torta. Il caso Bello Figo mostra ancora una volta come il nostro Paese abbia paura che “fuori” si sappia che in Italia non si sta poi così male, e c’è chi ritiene che siano proprio le canzoni di Bello Figo – che è una star su Internet ma non solo – a invitare i profughi nel nostro Paese. Quasi quasi era meglio il Piano Kalergi, almeno non era ridicolo.