Cultura e scienze

Fido è vivo e clonato!

@Chiara Lalli|

«Gli manca solo la parola», «i cani sono migliori degli uomini», «la morte di [inserire nome del cane in genere indistinguibile da quello che potrebbe essere tuo fratello] è il dolore più grande della mia vita, molto più della morte dei miei amici». «Tanto quanto un essere umano e come un figlio». Oppure: «PER NOI QUESTI [chi minaccia, fa male o uccide un cane] SONO ASSASSINI! Assassini di affetti, assassini di esseri viventi, assassini di innocenti indifesi; questa gente per noi sono solo vigliacchi», leggevo ieri cercando tutt’altro.
 
È COME MIO FIGLIO![pullquote]L’odio per l’uomo e l’amore per le bestie sono una pessima combinazione[/pullquote]
Al posto del cane può esserci un gatto o un altro animale domestico o addomesticato. Alcuni trattano il proprio animale domestico come il figlio che non hanno avuto o che è ormai cresciuto. Mi ricordo la proprietaria di un levriero afgano che aveva il set di spazzole e asciugamani con il nome del cane ricamato o inciso: Yuma. Le parlava – era una «signorina», non so se anche vergine – e le chiedeva il parere su molti argomenti. Io avrò avuto 8 o 9 anni e mia madre non mi aveva mai ricamato il nome su un asciugamano. Per fortuna. Io avrò avuto 8 o 9 anni e quella signora mi sembrava un po’ suonata e Yuma mi sembrava come quei bambini infilati in un vestito inamidato che vorrebbero rotolarsi nel fango o andare a fare il bagno: «devi aspettare 3 ore dopo aver mangiato!». D’altra parte Madame Adelaide Bonfamille aveva lasciato tutti i suoi beni ai gatti di casa e Madame Adelaide Bonfamille

Madame Adelaide Bonfamille con Duchessa

 
CANI FAMOSI[pullquote]She’s the one who taught me what love is[/pullquote]
Nel Bernann McKinney con Booger
Bernann McKinney con Booger

 
MA MISSYTOO NON SOMIGLIA PER NIENTE A MISSY![pullquote]Il clone accoglie l’anima dell’animale morto per riportarlo in vita.[/pullquote]
Se vi sembra inverosimile, dovreste leggere quello che racconta John Woestendiek nel libro Dog, Inc.: The Uncanny Inside Story of Cloning Man’s Best Friend. Molte persone pagano nella speranza di riavere indietro proprio il loro cane. Il clone accoglierebbe l’anima dell’animale morto per riportarlo in vita. Nonostante i soldi e le speranze, il clonato non sarà il vostro cane. Non solo perché non avrà nemmeno lo stesso DNA: il DNA mitocondriale sarà diverso, e il cane morto sarà meno uguale al cane clonato di quanto lo siano due gemelli. Il resto del patrimonio genetico è certamente rilevante come lo è nel determinare le caratteristiche dei caratteri e delle predisposizioni delle diverse razze, per esempio. Inoltre le variabili che fanno di un cane ciò che è sono molteplici: modalità di allevamento e apprendimento, interazioni con gli essere umani e con gli altri cani e tutto quello che determina il carattere di un cane (e pure di un animale umano). «MissyToo non ha niente a che fare con Missy», aveva protestato la padrona. Gli estimatori di Stephen King potrebbero provare a scoraggiarvi agitando il fantasma del Pet Sematary. “Lasciate perdere, vi torna indemoniato!”. Chissà, magari la magia è un’arma più potente della razionalità. In ogni modo il clonato non sarà il vostro cane soprattutto perché il vostro cane è morto. E se avete più di 15 anni forse fareste meglio a cercare risposte diverse.