FAQ

Cosa è il carcinoma basocellulare che ha colpito Valentina Ferragni

La giovane, 28 anni, è stata colpita da questo tumore della pelle reso evidente dalla sua posizione. Ora ha avviato la sua terapia e sembra che il tutto sia stato diagnosticato per tempo

Carcinoma basocellulare Valentina Ferragni

Una macchia sulla pelle che, inizialmente, sembra essere un classico brufolo. Ma gli esami medici hanno rivelato una realtà ben diversa e molto più grave. Nei giorni scorsi in molti si erano interrogati sullo stato di salute di Valentina Ferragni, la sorella di Chiara. La giovane – ha solo 28 anni – era comparsa nelle sue foto e nei suoi video su Instagram con un cerotto sulla fronte che celava quella che sembrava essere solamente una piccola imperfezione della pelle. Lunedì sera, invece, è stata proprio lei a rivelare al pubblico quella patologia: si tratta di un carcinoma basocellulare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valentina Ferragni (@valentinaferragni)

Carcinoma basocellulare, il tumore della pelle che ha colpito Valentina Ferragni

Valentina Ferragni lo ha spiegato pubblicando su Instagram una serie di selfie che hanno mostrato l’evoluzione di questo che, a tutti gli effetti, è un tumore della pelle. E poi ha riportato anche le parole pronunciate dai medici.

“Il giorno è arrivato e ci ho messo un po’ a realizzarlo. Sfortunatamente non era una cisti, ma un carcinoma basocellulare, un tumore maligno localizzato in una specifica area, non dei più pericolosi per la salute, ma per la pelle. I dottori mi hanno detto che è stata la prima volta che hanno visto questo carcinoma su una persona della mia età, 28 anni, solitamente viene a persone sui 50, 60 anni in su, per cui è raro e molto difficile la diagnosi. In questo anno il carcinoma ha cambiato faccia molte volte, per alcuni mesi sembrava scomparso, per poi tornare piano, ma ha iniziato a sanguinare intorno a settembre 2021, poi si è finto guarito a ottobre. Questo fottu*o carcinoma è così, rimane silente per mesi, poi sanguina per due giorni, poi torna normale ma continua a crescere sotto pelle giorno per giorno (la sera prima dell’operazione sembrava quasi guarito!). Come vi ho già detto è fondamentale andare dal dottore se qualcosa non va, se qualcosa non va via, se vi sentite strani. Ho 28 anni e questo cancro è raro su persone della mia età, fortunatamente l’ho preso in tempo”.

Si tratta, dunque, di un tumore maligno che ha colpito un nevo sebaceo. Per questo motivo appariva come un più banale e classico brufolo. Ora Valentina Ferragni è sotto cura di un medico con una terapia per contenere gli effetti. La giovane ha spiegato che, per fortuna, la diagnosi è stata effettuata per tempo e quindi le cure sono state avviate prima che la malattia prendesse il sopravvento e portasse a effetti più nefasti rispetto a quel che si può vedere in fotografia.

Una patologia molto rara

Gli studi scientifici – e i rilevamenti statistici – etichettano il carcinoma basocellulare come patologia molto rara, soprattutto tra i giovani. Ma di cosa si tratta? Il Manuale MSD lo definisce così:

“Il carcinoma basocellulare è una papula o un nodulo superficiale a lento accrescimento derivata da alcune cellule epidermiche. I carcinomi basocellulari derivano da cheratinociti vicini allo strato basale, che a volte vengono chiamati cheratinociti basaloidi. La metastasi è rara, ma la crescita locale può essere molto distruttiva. La diagnosi viene formulata mediante biopsia. Il trattamento dipende dalle caratteristiche del tumore e può comprendere curettage e diatermocoagulazione, escissione chirurgica, criochirurgia, chemioterapia topica, oppure, raramente, radioterapia o farmacoterapia”.

Questo tumore della pelle colpisce, nella maggior parte dei casi, le persone con una carnagione chiara e può essere provocato da due fattori: da una parte la troppa esposizione al sole, dall’altra a un difetto genetico ereditario. Ovviamente anche la cura varia di caso in caso. Perché se nella definizione del Manuale MSD si parla di terapie ad ampio spettro (anche chirurgiche), è sempre compito del personale medico decidere quale tipo di cura utilizzare sul paziente.

(foto: da profilo Instagram di Valentina Ferragni)