Attualità

Bruxelles, la sparatoria a Forest

sparatoria bruxelles

Colpi di arma da fuoco sono stati esplosi da sconosciuti contro agenti della polizia belga a Forest, sobborgo alla periferia sud-occidentale di Bruxelles, mentre erano impegnati in una perquisizione collegata agli attacchi terroristici del 13 novembre scorso a Parigi: lo ha reso noto un portavoce della Procura federale, Eric van der Sypt. Stando al quotidiano ‘La Derniere Heure’, i due aggressori sarebbero riusciti a fuggire. Un poliziotto belga è rimasto ferito leggermente, la persona che ha sperato è in fuga. C’è stata una nuova sparatoria poco fa. I sospetti sarebbero asserragliati in un appartamento. Nuovi colpi di arma da fuoco sono stati sentiti da alcuni media belgi presenti a Forest dove è scoppiata una sparatoria nel corso di una perquisizione legata agli attenti di Parigi. Ci sarebbe, secondo quanto riportano ‘La Libre Belgique’ e la ‘Dernière Heure’, un altro poliziotto colpito durante lo scontro a fuoco, portando a quattro i feriti tra le forze dell’ordine di cui uno grave. Due sarebbero invece i terroristi in fuga. Secondo una televisione locale fiamminga, Brussels Nieuws, uno dei sospetti in fuga dopo la sparatoria nel quartiere di Forest, a Bruxelles, sarebbe stato “neutralizzato”. Nel corso dell’operazione di polizia, cui partecipavano anche agenti francesi nel quadro dell’inchiesta sugli attentati del 13 novembre a Parigi, almeno tre poliziotti belgi sarebbero stati feriti. Due sospetti erano fuggiti sui tetti. Almeno un uomo è asserragliato nell’appartamento da cui è partita la sparatoria, mentre almeno un altro uomo in fuga è nascosto e circondato dalla polizia in un terreno abbandonato poco distante. E’ quanto riferisce ‘Le Soir’. Un cane poliziotto munito di videocamera si è avvicinato all’area in disuso ma è stato preso di mira da colpi di arma da fuoco ed è tornato indietro. La polizia non sa quindi dire con precisione quanti siano i sospetti, mentre secondo la ‘Dernière Heure’ nell’appartamento sarebbero in due. Dopo diverse ore di inseguimenti e perquisizioni l’assalto delle forze speciali è stato lanciato nel quartiere Forest, alla periferia Sud-ovest di Bruxelles. Uno degli elicotteri che da ore sorvolavano i tetti del quartiere avrebbe rilevato la presenza di un individuo in un cortile nei pressi di un’abitazione. L’uomo sarebbe stato neutralizzato, con il kalashnikov ancora in mano, riporta il sito della Dernière Heure. Nell’operazione, iniziata con una perquisizione cui partecipavano anche agenti francesi nel quadro dell’inchiesta sugli attacchi di Parigi di novembre, quattro poliziotti belgi sono rimasti feriti, uno di loro in modo grave.

Fusillade à Forest : la police est en place di dh_be
La sparatoria è avvenuta a Rue du Dries a Forest. Secondo quanto riferisce la procura belga, gli agenti sono stati attaccati a colpi di kalashnikov. Due agenti sono stati feriti in una prima sparatoria, e un terzo durante una seconda raffica di colpi. Gli autori della sparatoria, più di uno secondo il borgomastro, sono in fuga e sarebbero passati attraverso i tetti delle case. La polizia belga ha chiesto ai media di non effettuare ripresa della zona in cui è andata in scena la sparatoria. Si amplia intanto la zona di chiusura della città, i due in fuga non sarebbero lontani da Forest. I due avrebbero lasciato le armi in un seminterrato. Sempre i giornali fiamminghi indicano l’uso di kalashnikov durante lo scontro. La polizia francesce a FranceInfo smentisce la possibile presenza di Salah Abdeslam, ricercato numero uno per i tragici fatti del Bataclan. Agenti della Brigata criminale francese sono in azione.
forest bruxelles rue du dries
Sulla stessa strada si trovano anche una scuola e un asilo, ma gli inquirenti garantiscono che la sicurezza dei due istituti e dei loro occupanti è garantita. Intanto la polizia ha chiesto anche agli utenti di Twitter di non diffondere foto del quartiere di Forest. L’hashtag #forestlockdown sta salendo: