Cultura e scienze

730 precompilato? Una falsa semplificazione

730 precompilato

Marino Longoni su Italia Oggi critica il 730 precompilato dopo le anticipazioni dei giorni scorsi su come funzionerà il meccanismo fiscale che esordirà il 15 aprile 2015 con la dichiarazione dei redditi precompilata che però potrà essere utilizzata soltanto dagli utenti di Fisconline. Spiega Italia Oggi:

L’emblema delle semplificazioni fiscali, varate dal consiglio dei ministri della scorsa settimana, è indubbiamente il 730 precompilato. Ma è una bufala. Per i contribuenti non ci sarà alcun reale vantaggio. L’anno prossimo dovranno avvalersi dell’aiuto di un professionista o di un Caf. Anche perché l’85% dei modelli precompilati sarà incompleto. Coloro che si limiteranno a controllore la correttezza dei dati già inseriti dall’Agenzia delle entrate (e anche qui servirà quasi sempre l’aiuto di un professionista o un Caf) saranno meno del 15% del totale. Non ci sarà quindi alcun reale beneficio in termini di semplificazione o di riduzione dei costi.

730 precompilato online fisconline
Le scadenze del 730 precompilato (Il Sole 24 Ore, 1 novembre 2014)

Italia Oggi propone anche una semplificazione possibile, più significativa del 730 precompilato:

La vera semplificazione sarebbe il ritorno alla situazione precedente la riforma tributaria degli anni Settanta. Allora al contribuente arrivava a casa la cartella esattoriale, e il suo compito era solo quello di versare gli importi ivi indicati. Ma nel frattempo il sistema tributario è diventato così complesso che una semplificazione radicale come questa è destinata a rimanere un miraggio. Da almeno vent’anni tutte le promesse di semplificazione si sono infrante contro la complessità delle norme, i loro continui cambiamenti, le esigenze crescenti dell’erario e la necessità di chiudere le falle che un sistema ormai fuori controllo apre continuamente a favore degli evasori.

730 precompilato, le slide dell’Agenzia delle Entrate