Politica

La puntata di Report sulla Lega, i neonazisti e la russofilia

report lega rune

La puntata di Report in onda oggi alle 21.20 su Rai 3 racconta nuovi dettagli della saga russofila (e neofascista) della Lega odierna, che si incrocia con il passato “neonazista” di Gianluca Savoini, l’uomo che andava a caccia di rubli al Metropol. Su Facebook la puntata è stata presentata con un video che racconta la storia delle rune e dei simboli neonazista che si trovavano sul monitor di Savoini quando lavorava alla Padania.

report lega rune

Una storia non del tutto nuova: Stefania Piazzo, ex caporedattrice del giornale, che del presidente dell’Associazione Lombardia-Russia dice «nessun altro come lui aveva quelle pulsioni fascistoidi-naziste». Un altro ex direttore, Gianluca Marchi, dice che Savoini «apparteneva al filone nazionalsocialista».

savoini neonazista afd - 1

Deve essere per questo che il 25 agosto Savoini – in qualità di “consigliere politico” della Lega – ha partecipato ad un incontro organizzato dal gruppo parlamentare di Alternative für Deutschland, il partito di ultradestra tedesco con simpatie naziste che all’Europarlamento fa parte dell’EAPN, il gruppo dei sovranisti europei cui appartiene la Lega (inizialmente invece era all’interno di ECR, il partito dove per l’Italia c’è FdI). Tema dell’incontro ovviamente i rapporti con la Russia, che come sappiamo è il pallino di Savoini.

savoini corecom mozione lega lombardia - 4

Non è ovviamente l’unico punto di contatto tra neonazisti e Lega, visto il racconto di Alessio Hitler Lepore fatto a Piazzapulita. Ma nemmeno quello più divertente, visto quanto racconterà – di nuovo – stasera un ex direttore della Padania:

Il direttore del giornale Gigi Moncalvo chiede due volte il licenziamento di Salvini, accusato di essersi segnato presente senza lavorare per guadagnare di più, e di aver falsificato delle note spese. La coppia Savoini-Salvini si rafforza nel tempo e quando il secondo vince le primarie per succedere a Roberto Maroni alla guida del Carroccio sceglie come suo portavoce proprio Savoini.

La ricerca di contatti con i russi comincia subito, e infatti al congresso di Torino di fine 2013 viene invitato a parlare Konstantin Malofeev, ricco uomo d’affari che già si adoperava per fornire aiuti economici al Front National della famiglia Le Pen. Ma Malofeev non va, al suo posto manda Alexey Komov, altro nome ricorrente nel mondo del tradizionalismo religioso e di ultradestra.

Leggi anche: Cosa mangia la Bestia di Salvini