Politica

Marione: il vignettista candidato alle Parlamentarie M5S

marione candidato parlamentarie - 8

Mario Improta, in arte Marione, ha deciso di scendere in campo e affrontare la lotteria delle Parlamentarie a 5 Stelle. Lui ha spiegato che lo ha fatto «perché mi è stato chiesto dalle tante persone che mi seguono sui social». E non c’è dubbio che sia così visto che Marione è uno dei vignettisti più apprezzati dal popolo a 5 Stelle. Classe 1972, nato a Reggio Calabria ma residente a Roma “da sempre”, Marione è laureato in Giurisprudenza ma di lavoro fa l’illustratore, il fumettista e il tatuatore. In uno dei suoi libri può addirittura vantare la prefazione di Ferdinando Imposimato, esperto di complotti vicino al M5S recentemente passato a miglior vita.

Davvero il M5S ha bisogno di candidati come Marione?

A tutti è noto soprattutto per le sue vignette dove si impegna anima e corpo a fustigare il PD, il Governo, Berlusconi e tutti quelli che dicono qualcosa contro il MoVimento 5 Stelle. Per certi aspetti non c’è custode più fedele dell’ortodossia pentastellata di Marione. Qualche tempo fa ricordava a tutti che “siamo nati da un Vaffanculo” e che bisognava continuare ad andare avanti su quella strada. Chissà cosa ne pensa Marione del nuovo corso del M5S e dell’ultimo vaffanculo di Grillo alla democrazia diretta.

marione candidato parlamentarie - 5
“Il PD va abbattuto”, prossimamente nelle migliori aule parlamentari

Improta spesso e volentieri si lascia andare a vere e proprie invettive che molto poco hanno a che fare con la satira e la democrazia. Il suo modo di interagire sui social è connotato dalla stessa violenza verbale che Grillo ha incarnato per lungo tempo. E per questo motivo è quanto di più distante dal M5S di Di Maio, quello più democristiano, dai toni felpati e conclianti. Del resto Marione condivide lo spirito a 5 Stelle che – dopo ogni tornata elettorale – porta i grillini ad insultare tutti quelli che hanno impedito l’affermazione del partito di Grillo. Ad esempio dopo le amministrative di giugno 2017 Marione ebbe modo di farci sapere cosa pensava degli “infami” che non votano il MoVimento.
marione candidato parlamentarie - 3
La propaganda di Marione è utile nel momento in cui il M5S “di lotta” è all’opposizione. Ma che ruolo potrà giocare una volta al Governo? C’è chi teme che possa diventare Ministro della Cultura a 5 Stelle. Lui la prende con la consueta ironia.
marione candidato parlamentarie - 1
E sembra quasi che Marione sia arrivato fuori tempo massimo. Di sicuro ha molti follower ma non sembra avere il profilo adatto per rappresentare in Parlamento il nuovo M5S. Un Marione sarebbe andato bene cinque anni fa, quando il MoVimento ha imbarcato e portato in Parlamento personaggi curiosi come Bartolomeo Pepe, Carlo Sibilia, Tiziana Ciprini o Paola De Pin. C’è ancora spazio per la retroguardia dei pasdaran della rivoluzione del vaffanculo?

Marione, l’anello di congiunzione tra M5S e Lega Nord

Molti si sono stupiti – ma non troppo – che tra i candidati alle Parlamentarie ci sia anche anche Gianluigi Paragone. Il conduttore de La Gabbia infatti in passato è stato direttore del quotidiano leghista La Padania (e vicedirettore di Libero). Per certi versi la storia politica di Paragone è quanto di più distante da quella di Marione e del M5S. E del resto Improta non perde occasione per sfottere Salvini e la Lega Nord. Il problema però è che Marione e la Lega Nord la pensano allo stesso modo su molte cose.
marione candidato parlamentarie - 2
Marione definisce i buonisti “radical shit” e come la Lega Nord è contro lo Ius Soli (peccato che il M5S abbia presentato una proposta di legge analoga a quella del PD). Marione come Salvini se la prende con i “servi sinistri della globalizzazione”. Quelli che vorrebbero sostituire il Popolo con gli immigrati. Ed è chiaro che su questo tema Improta è andato a scuola da Paragone e dal famoso servizio de La Gabbia sul Piano Kalergi.
marione candidato parlamentarie - 6
Come la Lega Nord Marione vuole uscire dall’euro (oggi è giovedì e il M5S invece non ha ancora detto se uscirà dall’euro o meno) e se la prende con “la melma euroinomane” che fa disinformazione “ventilando chissà quali catastrofi se uscissimo”. Siamo sicuri che con Marione in Parlamento l’uscita dall’euro non sarà assolutamente traumatica, anzi sarà del tutto indolore.
marione candidato parlamentarie - 4
Come Matteo Salvini Marione è un vero patriota e ha paura di Soros. In una delle sue ultime vignette ritrae Emma Bonino con una pompa da bicicletta in mano pronta ad “estirpare” il patriottismo ad un’Italia indifesa. Perché tutti sanno che gli europeisti come la Bonino sono a favore dell’aborto e contro il nostro Paese. Non sappiamo se Marione riuscirà a trovare il biglietto vincente della lotteria delle parlamentarie. Quello che possiamo ipotizzare è che se venisse eletto Mario Improta potrebbe essere uno dei pontieri a 5 Stelle che potrebbero mettersi al lavoro per la creazione del Patto di Neanderthal tra Lega e MoVimento. Comunque vada sarà un successo.