Video

“Scemo e buffone”: Salvini contestato a Cava de’ Tirreni

I contestatori erano piuttosto numerosi e si sono fatti sentire urlando “Scemo” e “Buffone” con cori sempre più forti. A un certo punto hanno iniziato a intonare Bella Ciao. Ma per Salvini le cose sono andate in un altro modo

“Grazie a tutti e anche a chi non aveva niente da fare, che viene qui con i fischietti…vi voglio bene lo stesso. Lasciate che altri fischiettino, questo vuol dire scegliere la Lega. Qui a Cava de’ Tirreni ci sono sia le elezioni per il Comune che per la Regione, vi dico che dove governa la Lega le case popolari vanno prima agli italiani e poi al resto del mondo”. Così il leader della Lega Matteo Salvini a Cava de’ Tirreni rivolgendosi ad alcuni contestatori durante il suo comizio. “Ve lo dico sottovoce, con educazione, che se su questo palco ci fosse qualcuno di cui condividete le idee non sareste lì a fare casino – ha proseguito Salvini replicando ai contestatori – sareste a lavorare, o sareste in spiaggia. Qui ci vuole una scuola che funziona, aiutatemi a mandare a casa la Azzolina, e una sanità che funziona..”. I contestatori in realtà non hanno solo usato i fischietti. Erano piuttosto numerosi e si sono fatti sentire urlando “Scemo” e “Buffone” con cori sempre più forti. A un certo punto hanno iniziato a intonare Bella Ciao. Ma per Salvini le cose sono andate in un altro modo:

Nel video pubblicato sulla sua pagina Facebook raramente viene inquadrato il fondo della piazza dove i contestatori stanno urlando. Ma in quei pochi attimi anche nel filmato del Capitano si può vedere quanti sono.  Poi ci sono stati momenti di tensione e una carica di alleggerimento della polizia per arginare i manifestanti ed evitare che i 200 contestatori si avvicinassero ulteriormente al palco. Durante i disordini – durati una decina di minuti – sono stati lanciati anche oggetti all’indirizzo dei poliziotti. Gli agenti hanno già identificato una decina di persone ma proseguono gli accertamenti.

Leggi anche: Salvini in tv battuto da Don Matteo e Paperissima