Opinioni

“Questa domanda non ha importanza”: le incredibili risposte della senatrice Patty L’Abbate al Tg2 Post

Lei è favorevole o no allo scudo fiscale? In questo video tratto da Tg2 Post vediamo Marco Bentivogli a confronto con la senatrice Patty L’Abbate, la quale sfugge continuamente alla domanda centrale su ILVA preferendo, ogni volta che la conduttrice o il sindacalista della FIM CISL la riportano al punto, svicolare come un’anguilla: “Nel momento in cui io le dico che la cosa importante è la salvaguardia dei cittadini e del territorio, io le parlo d’altro, la necessità di rispondere è rispondere alle esigenze di cittadine, lei mi sta parlando di cosa si deve fare ma purtroppo la situazione si è così incancrenita che non è facile rispondere. Io rispondo decarbonizzazione: perché non si è fatta?”.

ù

Bentivogli dice che ci vuole il gas per decarbonizzare: “Perché lei parla di metano, io parlo di idrogeno, perché non tentare la sperimentazione su una delle parti”, continua la senatrice. E quando la conduttrice le chiede se personalmente è favorevole o no allo scudo fiscale, ricomincia a parlare d’altro: “Lei mi fa una domanda che… io rispondo ai cittadini”. La L’Abbate è una vecchia conoscenza delle elezioni 2018: era un’altra incandidabile per le regole del MoVimento 5 Stelle e in Puglia andava a far compagnia ad Antonio Tasso, che Luigi Di Maio aveva deferito ai probiviri per l’espulsione per la condanna in primo grado nel frattempo prescritta per violazione del copyright. Si era infatti candidata con IO SUD-PLI alle  elezioni comunali di Castellana Grotte nel 2012:

patty l'abbate m5s

Alle elezioni comunali di Castellana Grotte Patty L’Abbate aveva preso 41 voti e non era stata eletta. In ogni caso anche per lei è possibile che il M5S fosse al corrente della situazione e abbia dato comunque l’ok alla candidatura, anche se finora questo non è accaduto per gli altri “impresentabili” scoperti dai giornali e successivamente messi fuori dal M5S o proposti per l’espulsione.

Patty L’Abbate e la candidatura nel M5S

La candidata era stata presentata qualche tempo fa da Di Maio come “specializzata in economia dell’ambiente e con un dottorato di ricerca in economia e gestione delle risorse naturali. Si occupa di ciclo di vita dei prodotti, di contabilità ambientale e di impronta ecologica. Vanta una serie di pubblicazioni scientifiche nel settore della sostenibilità ambientale, eco innovazione ed economia circolare”.

patty l'abbate m5s pasqua l'abbate

Nel 2012 aveva utilizzato una frase di Luigi Einaudi per presentare la sua candidatura: “Giustizia non esiste là dove non vi è libertà”. In una pubblicità pubblicata sui giornali all’epoca invece la scelta era ricaduta su Gandhi: “Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. Qualche tempo fa il Foglio si era occupato di lei e del suo curriculum: la candidata lavora al Politecnico di Bari. Collaboratrice, si leggeva sul sito dell’università pugliese dove, appunto, collabora al dipartimento di Ingegneria civile, ambientale, del territorio, edile e chimica. Non una docente universitaria, neppure una ricercatrice, ruolo per cui c’è un inquadramento specifico e distinto, come dimostra anche la semplice ma chiara grafica del sito Didatech. Relatrice a un convegno sulla decrescita felice, L’Abbate veniva presentata come “docente universitario” e membro di Isib.

Cosa sia l’Isib non è molto chiaro. Se si cerca su Google appare l’Institute of Biomedical Engineering del Cnr, dipartimento soppresso il 23 dicembre 2014 e fra i cui collaboratori non risulta alcuna L’Abbate, oppure una pagina vuota del sito di Mdf, che rimanda alle domande frequenti.

 

Leggi anche: La grande idea degli elettori di destra: i “pinguini” contro le “sardine”