Il grande ritorno di Marcello De Vito all’Assemblea Capitolina

di neXtQuotidiano

Pubblicato il 2019-11-21

Oggi la prefettura ha accertato il suo rientro in consiglio comunale. Il M5S di Roma non ha mai portato in Aula la delibera per la sua decadenza, temendo ritorsioni. Lui è stato cacciato da Di Maio ma senza alcuna notifica. E adesso…

Marcello De Vito, presidente del’Assemblea Capitolina, può rientrare ufficialmente in Consiglio comunale. La prefettura di Roma ha accertato il venir meno delle condizioni della sospensione del consigliere De Vito. La prefettura ha comunicato al Comune il provvedimento di reintegro del consigliere De Vito, che esperiti tutti gli elementi previsti dalla legge, potrà e dovrà rientrare in Consiglio ed esercitare le sue funzioni.

Il grande ritorno di Marcello De Vito nell’Assemblea Capitolina

L’ex esponente M5S era finito a Regina Coeli il 20 marzo scorso per l’accusa di corruzione nell’ambito di uno dei filoni della maxinchiesta sul nuovo Stadio della Roma. Per De Vito, alcune settimane fa, i pm di piazzale Clodio avevano chiesto ed ottenuto il giudizio immediato e il gip ha fissato il processo al prossimo 3 dicembre. Il tribunale lo ha scarcerato dopo nove mesi tra carcere ed arresti domiciliari martedì scorso. E adesso il tema è il suo ritorno a presiedere l’Assemblea Capitolina.  La maggioranza M5S in Campidoglio, infatti, non ha mai portato in Aula il provvedimento di decadenza di De Vito da consigliere comunale, dato che alcuni consiglieri pentastellati temevano possibili ricorsi giudiziari e contabili dopo un’eventuale scarcerazione, come ipotizzato in un parere legale redatto nei mesi scorsi dagli uffici del Campidoglio. Come previsto dalla legge Severino all’articolo 11 comma 6, la sospensione temporanea del mandato negli enti locali “cessa”, tra l’altro, nel caso in cui “venga meno l’efficacia della misura coercitiva”. Dopo la comunicazione della Prefettura al Campidoglio la pratica passerà al segretariato dell’Aula. Proprio la mancata decadenza di De Vito ha portato nei mesi scorsi a due avvicendamenti alla guida dell’Aula Giulio Cesare, che prima è stata affidata al pentastellato Enrico Stefano e poi a Sara Seccia, sempre però con funzioni di presidente vicario.

de vito intercettazione arresto m5s - 1

Il Messaggero racconta oggi che Virginia Raggi ha spedito un sms a Giovanna Tadonio, moglie di De Vito, dal testo che suona come un’apertura nei suoi confronti: “Sono contenta che Marcello sia tornato in libertà”. Di Maio invece ha annunciato l’espulsione di De Vito dal M5S subito dopo le notizie sull’inchiesta Congiunzione Astrale ma l’espulsione non è mai stata formalizzata, tanto che successivamente lo stesso De Vito ha fatto un esposto ai probiviri nei confronti proprio del Capo Politico.

EDIT ore 13,30Marcello De Vito è già tornato oggi in Campodoglio, ed e’ pronto, a quanto si apprende da fonti consiliari, a presiedere la seduta odierna dell’Assemblea capitolina. L’Aula si sarebbe dovuta aprire alle 13, ma e’ in ritardo per permettere agli uffici di preparare la revoca della surroga temporanea che andrà votata dai consiglieri per formalizzare il reintegro di De Vito, che non è  mai decaduto dal ruolo di presidente dell’Assemblea. Il video è sulla pagina FB di Alessandro Onorato

Leggi anche: Il piano di Di Maio per tornare con Salvini dopo le elezioni

Potrebbe interessarti anche