Opinioni

Il fallimento di Farmacap è il fallimento della Giunta Raggi

Lo spoils system targato 5 stelle dà i suoi frutti. Secondo quanto riporta il Messaggero, Farmacap, l’azienda che gestisce le farmacie comunali, è sull’orlo del fallimento. Il 31 marzo 2017 il commissario voluto dalla giunta Raggi aveva licenziato senza preavviso la direttrice generale Simona Laing, accusata di corruzione, in realtà sgradita perché scelta dall’amministrazione precedente. Marino voleva risanare l’azienda (pesantemente indebitata e dal bilancio costantemente in rosso) per poi venderla. Sia perché non aveva senso che il Comune “facesse il farmacista”, sia perché i passivi gravavano regolarmente sul già martoriato bilancio comunale (cioè sulle tasche dei contribuenti).

farmacap simona laing

In meno di due anni Laing aveva trasformato la peggiore azienda di farmacie comunali d’Italia in una delle più efficienti. Riduzione di 2 milioni dell’esposizione finanziaria, 1,8 milioni in meno di debito sui fornitori, 2,5 milioni in più di fatturato, avvio di gare europee per selezionare il grossista dei farmaci (non se ne vedevano da un decennio), apertura di tre farmacie 24 ore su 24, licenziamento dei lavoratori che, ripresi da telecamere, rubavano i farmaci per rivenderli in nero.

simona laing
Simona Laing, ex dg di Farmacap

Con la nuova direzione l’azienda ha ricominciato ad accumulare debiti, i bilanci sono tornati in rosso e i dipendenti coinvolti in indagini per gravi reati sono stati reintegrati, per la soddisfazione dei sindacati. Nel frattempo le indagini hanno mostrato che le accuse a Laing erano tutte false. Il licenziamento è stato impugnato ed è ragionevole prevedere che il Comune dovrà corrispondere all’ex direttrice un lauto indennizzo (sempre a spese dei contribuenti, naturalmente). Oggi Farmacap è sull’orlo del fallimento e sarà venduta, ma a un prezzo molto più basso di quello che il Comune avrebbe spuntato appena un anno fa. Una perdita secca per i cittadini.

Leggi sull’argomento: Il caso Farmacap: una metafora di come il M5S amministra Roma