Economia

La vera storia di Farmacap e del licenziamento di Simona Laing

farmacap simona laing

Simona Laing non è più la direttrice generale di Farmacap, la rete di farmacie comunali di proprietà del Comune di Roma. La Laing, che aveva assunto l’incarico nel 2015 sotto l’allora sindaco Ignazio Marino, è stata licenziata “per giusta causa” dal commissario Angelo Stefanori, nominato il 10 gennaio da Virginia Raggi, che resta alla guida dell’azienda. Secondo la ormai ex dirigente di Farmacap il suo licenziamento è dovuto al fatto che durante la sua gestione ha mandato via i ladri mentre per Stefanori i motivi sono altri ed era venuto meno il “rapporto di fiducia” perché la Laing stava lavorando per la dismissione dell’azienda.

farmacap stefanoir laing licenziamento - 1
La delibera con cui Stefanori licenzia Simona Laing

Cos’è Farmacap e perché è al centro di Roma

Che l’obiettivo della gestione guidata dalla Laing, che era stata nominata da Marino e dall’ex assessora al Sociale Francesca Danese, fosse quello di risanare l’azienda denominata Farmacap Azienda Speciale Farmasociosanitaria Capitolina per poi poterla vendere non è certo un mistero. L’intenzione dichiarata di Marino era infatti quella di far uscire gradualmente il Comune da tutte quelle attività imprenditoriali che non costituivano l’erogazione di servizi pubblici. Farmacap era uno dei tanti “carrozzoni” che il Comune di Roma foraggiava con i soldi pubblici magari in ossequio a qualche logica clientelare. La questione però era che non solo non aveva senso che il Comune “facesse il farmacista” ma anche non era concepibile che per farlo accumulasse debiti che poi finivano per gravare sulle tasche di tutti i cittadini romani. Questo perché l’azienda non guadagnava e il suo bilancio era costantemente in rosso. Farmacap – e quindi Roma – è un’azienda municipalizzata che possiede 44 farmacie (e ha 344 dipendenti) e nonostante un fatturato annuo che si aggira intorno ai 50 milioni di euro le farmacie comunali romane avevano un buco di diversi milioni di euro (nel 2014 il passivo ammontava a due milioni di euro). Per risanare la municipalizzata Marino fa venire da Pistoia Simona Laing che aveva già un’esperienza in quel campo avendo lavorato al riordino dei conti di Farcom la municipalizzata delle farmacie del Comune di Pistoia. Grazie all’azione di risanamento guidata dalla Laing Farmacap ha chiuso il bilancio 2016 con un attivo di 530 mila euro.
farmacap stefanoir laing licenziamento - 3

Perché è stata cacciata Simona Laing

Nella delibera numero 8 del 30 Marzo 2017 con la quale Stefanori ha rescisso il contratto con la Laing però vengono riscontrate “diverse anomalie” e la gestione viene definita “complessivamente non ottimale”. Ad esempio viene contestata la mancanza di una costante presenza sul luogo di lavoro “presso i quali si reca invece episodicamente per intrattenersi mediamente tre giorni a settimana”. Un comportamento definito “abituale” e che impedisce secondo Stefanori lo svolgimento delle funzioni dirigenziali e soprattutto non “giustifica l’onerosa retribuzione” percepita “pur a fronte delle ridotte mansioni lavorative svolte”. Un secondo aspetto oggetto di contestazione riguarda l’uso definito “improprio” del magazzino centrale di Farmacap nel quale – si legge nella delibera – per:

la realizzazione di attività aziendali in contrasto con le previsioni di legge e di statuto aziendale, consistenti nella avventata condotta delle compravendite c.d. “all’ingrosso”, realizzate in realtà su ordine degli acquirenti finali, i quali in taluni casi versano in anticipo i corrispettivi dovuti, in altri effettuano pagamenti a 15gg. dalla consegna della merce, costituita da farmaco c.d. “contingentato”, cioè di difficilissima reperibilità sul mercato.

simona laing
Simona Laing, ex dg di Farmacap

Il Commissario Stefanori ha precisato in una nota successiva che questi farmaci contingentati, rari tra cui anche antitumorali venivano “rastrellati” e «venduti a una società commerciale di Napoli: quest’ultima provvedeva alla loro esportazione all’estero privando le farmacie comunali, e quindi i cittadini romani, dei farmaci stessi. L’unica eccezione all’esportazione era rappresentata dalle vendite a una farmacia di Pistoia, città di origine del direttore generale». La Laing non avrebbe rispettato però la legge sugli appalti che impone una programmazione dell’approvigionamento, spiega Stefanori:

l’ex dg ha predisposto una sola gara relativa a una fornitura da 9,5 milioni euro, seguita da una gara più piccola, aggiudicata ad altro soggetto, da 5 milioni. In realtà abbiamo comprato farmaci per 16 milioni solo dal vincitore della prima gara e quindi, per la differenza, si tratta di acquisti che oggettivamente favoriscono quel primo fornitore, chiudendo il mercato ad altri competitor che avrebbero potuto offrire sconti maggiori.

La direttrice generale aveva utilizzato il potere contrattuale derivante dal fatto che il Comune è proprietario di 44 farmacie per ottenere prezzi più bassi e così incrementare le scorte dei magazzini ed eventualmente rivendere alcuni farmaci generando profitto per rimettere in sesto i conti. Un’operazione che per Stefanori non poteva essere fatta. Così come non dovevano essere licenziati i quattro dipendenti attualmente sotto processo dopo essere stati sorpresi a rubare farmaci dell’azienda, una decisione che la cui legittimità è contestata da Stefanori che sostiene che la Dg non poteva sostituirsi al giudice e che è necessario attendere il pronunciamento del Tribunale.

Farmacap e il RECUP

Ultimo punto dolente della gestione Laing è stata la sospensione del servizio di prenotazione delle prestazioni medico-sanitarie RECUP, un servizio che secondo la convenzione stipulata da Farmacap con la Regione Lazio per conto di Roma Capitale doveva essere fornito dalle farmacie comunali ma che la Laing aveva deciso di tagliare.
farmacap stefanoir laing licenziamento - 2
L’incapacità di gestire il problema attinente a RECUP ha causato secondo il Commissario la necessità dell’emissione di note di credito nei confronti di Roma Capitale per oltre 130mila euro, soldi che il Comune di Roma ha dovuto restituire al Dipartimento Politiche sociali. Molto hanno pesato sulla decisione di giubilare la ex Dg anche gli attriti con le rappresentanze sindacali che in più occasioni hanno protestato contro il tentativo di privatizzare l’azienda e il tentativo di dismissione di due rami aziendali. In una nota Rsa Filcams-Cgil denuncia:

L’intento della Laing è stato chiaro fin da subito, ma è stato ben compreso da lavoratrici/ori anche ‘grazie’ all’atteggiamento dispotico messo in atto sin dal principio. Dal rifiuto di riconoscere gli adeguamenti e gli istituti contrattuali previsti dai CCNL di riferimento, con imposizioni unilaterali; all’introduzione di ‘premi’ di produttività proposti come mancetta di scambio ai mancati adeguamenti e con scopo principale di innescare una competitività sfrenata tra farmaciste/i e tra le/i farmaciste/i ed il personale tecnico-amministrativo, il personale dei servizi sociali, le educatrici, pulitrici/ori

I sindacati salutano il licenziamento della Laing come l’avvio di un percorso nuovo per Farmacap con un piano industriale condiviso con i lavoratori e le Organizzazioni Sindacali. C’è però da chiedere agli stessi sindacati cosa hanno fatto per l’azienda in tutti questi anni mentre il buco di bilancio risanato dalla ex Dg (e si immagina che i bilanci siano stati certificati dai revisori dei conti). Ma questo è purtroppo il problema che affligge tutte le municipalizzate romane che continuano a navigare a vista rischiando costantemente di affondare sotto il peso dei debiti. La politica, ovvero il MoVimento 5 Stelle, dovrebbe invece chiarire cosa intende fare di Farmacap perché se per un’azienda come quella delle farmacie comunali il pareggio dei conti non risulta essere una priorità come lo si può pretendere da altre, ben più disastrate, municipalizzate capitoline?