Politica

«Coronavirus: con il nuovo decreto resta (quasi) tutto aperto»

Il nuovo decreto Coronavirus SARS-COV-2 secondo Giorgia Meloni lascia quasi tutto aperto e quindi non riuscirà a contenere COVID-19. La leader di Fratelli d’Italiasu Facebook, a differenza di Matteo Salvini, è critica nei confronti dell’atto del governo che annuncia la zona rossa in tutta Italia

nuovo decreto resta tutto aperto

Il nuovo decreto Coronavirus SARS-COV-2 secondo Giorgia Meloni lascia quasi tutto aperto e quindi non riuscirà a contenere COVID-19. La leader di Fratelli d’Italiasu Facebook, a differenza di Matteo Salvini, è critica nei confronti dell’atto del governo che annuncia la zona rossa in tutta Italia.

«Coronavirus: con il nuovo decreto resta (quasi) tutto aperto»

Dice Meloni: «Il premier Conte è comparso in TV ad annunciare un provvedimento sensazionale con la “chiusura di tutte le attività” tranne quelle essenziali e di produzione industriale: per questo ho fatto i complimenti al Governo. Peccato che leggendo il decreto la verità è molto diversa: resta (quasi) tutto aperto. Chiudono bar e ristoranti (e nemmeno tutti), parrucchieri, estetisti, negozi di abbigliamento, gioiellieri e poco più. Restano aperti non solo farmacie, supermercati e negozi di alimentari (fornai, pescherie, macellai, pizza al taglio etc) – che è giustissimo – ma anche minimarket di ogni genere, profumerie, tabaccai, negozi per animali, tintorie, foto e ottica, negozi di computer, edicole, benzinai, ferramenta, e tutti gli artigiani (meccanici, falegnami, elettricisti, idraulici etc.)».

nuovo decreto resta tutto aperto 1

E ancora: “Sono aperti uffici e fabbriche. Di fatto si tratta solo di una modesta estensione del decreto approvato due giorni fa, forse non c’era bisogno di andare in televisione ad annunciare novità epocali: in questo modo si rischia di creare solo ulteriore caos e sconcerto tra gli italiani. Sono ore difficili, ribadiamo la nostra volontà di collaborare ma chiediamo al Governo più serietà e meno smania mediatica”.

Leggi anche: Si paga l’Iva il 16 marzo con il decreto Coronavirus?