Tecnologia

Avigan: il farmaco fallisce negli studi del Giappone sulla cura del Coronavirus

I dati inviati al ministero della salute giapponese dagli ospedali che trattano persone che presentano sintomi lievi della malattia fanno sorgere dubbi sul fatto che il farmaco possa essere approvato entro la fine di questo mese, come aveva chiesto il governo giapponese

giletti avigan cristiano aresu

La Reuters scrive che non ci sono prove evidenti di efficacia del farmaco Avigan nel trattamento del coronavirus SARS-COV-2 e di COVID-19 negli studi clinici avviati in Giappone. I dati inviati al ministero della salute giapponese dagli ospedali che trattano persone che presentano sintomi lievi della malattia fanno sorgere dubbi sul fatto che il farmaco possa essere approvato entro la fine di questo mese, come aveva chiesto il governo giapponese.

Avigan: il farmaco fallisce negli studi del Giappone sulla cura del Coronavirus

Il segretario capo del governo Yoshihide Suga ha detto che comunque l’esecutivo punta ad ottenere una rapida approvazione all’uso di Avigan, la cui molecola è Fapiravir se la sua efficacia e la sua sicurezza saranno confermate dalle ricerche. Unaportavoce di Fujifilm, Kana Matsumoto, ha dichiarato che la società non è stata coinvolta nella ricerca clinica condotta principalmente presso la Fujita Health University o altri studi osservazionali. L’ottimismo su Avigan si era diffuso dopo che Zhang Xinmin, direttore del Centro nazionale cinese per lo sviluppo della biotecnologia, aveva detto che il farmaco aveva funzionato nella cura del Coronavirus. In Italia Avigan era diventato popolarissimo dopo la circolazione di un video su Facebook in cui si affermava – falsamente – che il Giappone aveva risolto il problema della malattia grazie al farmaco.

Dopo la circolazione del video il virologo laureato all’università della strada Luca Zaia aveva annunciato l’avvio di una sperimentazione, che in effetti qualche giorno dopo l’AIFA aveva autorizzato. La grande popolarità televisiva era poi arrivata grazie a Non è l’Arena e a Massimo Giletti, mentre l’Agenzia del Farmaco ha annunciato di essere «impegnata nella valutazione di un programma di sperimentazione clinica per valutare efficacia e sicurezza di questo trattamento», pur precisando di agire «sulla base di preliminari e limitate evidenze». In Lombardia “Il nuovo farmaco Avigan potrà essere sperimentato da Aifa grazie alle sollecitazioni che abbiamo mandato a Roma e la sperimentazione inizierà domani”. “Speriamo che sia quello giusto, che dia buoni risultati e che ci dia una mano a debellare questo maledetto virus”, ha detto il presidente Attilio Fontana. Un farmaco che, come sottolinea l’assessore al Bilancio Davide Caparini, “è stato testato su 80 pazienti in Giappone dove stanno facendo sperimentazione, e devono ancora capire anche lì quanto questo farmaco possa essere efficace”. Della sperimentazione italiana non si sa ancora nulla. Il governo giapponese ha invece distribuito forniture gratuite di Avigan a 43 paesi che ne hanno formalmente fatto richiesta. Il presidente di Fujifilm, Shigetaka Komori, è un sostenitore di lunga data di Shinzo Abe, al punto che lo stesso Consiglio dei ministri ha dovuto smentire pubblicamente che vi siano legami tra la loro relazione e la promozione da parte del governo di Avigan.

Leggi anche: ChAdOx1 nCoV-19: il vaccino di Oxford e la storia dei macachi malati