Tecnologia

Il video della rissa verbale tra Giorgia Meloni, FdI e Giorgio Mottola di Report alla Camera

Oggi in conferenza stampa alla Camera Giorgia Meloni ha voluto rispondere a Report e alla puntata La fabbrica della paura in cui veniva chiamata in causa insieme a Matteo Salvini per la storia dei falsi followers su Twitter. La Meloni è andata all’attacco: “”Perché una trasmissione del servizio pubblico decide di fare una puntata per diffondere una serie di falsità, numeri sbagliati e forzature senza fare verifiche? Questa è spazzatura giornalistica. Io mi vergogno di un servizio pubblico fatto così e credo che la Rai dovrebbe chiederne conto a Report“. E ancora:  “Si cerca di dimostrare che ci sarebbe una sorta di regia occulta internazionale che consentirebbe alla sottoscritta di diffondere i propri contenuti social, ed in particolare su Twitter, per diffondere contenuti in modo anomalo: l’anomalia sarebbe quella di utilizzare account fake per ritwittare i nostri contenuti e renderli quindi più visibili” anche con una sovrapposizione di follower con il sito ‘Trash italiano'”.

meloni report conferenza stampa camera

Ma alla conferenza stampa si è presentato anche Giorgio Mottola, il giornalista di Report autore del servizio, che ha deciso di rispondere colpo su colpo Ci siamo limitati a mettere in fila delle anomalie, venga in trasmissione per approfondire l’argomento in un’altra puntata. Piuttosto, ci vuole chiarire una volta per tutte quale sia il ruolo di Bannon per Fdi?”, ha esordito, per poi contestare tutti i numeri raccolti da Meloni e dal suo social media manager Tommaso Longobardi (di cui abbiamo parlato qui e all’epoca dell’attacco al gruppo “di sinistra” però moderato da un sovranista)  e anche il software utilizzato per la sintesi dei dati. Alla fine, tra repliche e controrepliche anche abbastanza isteriche, Mottola promette una seconda puntata su Twitter e la politica italiana e la video-rissa si conclude con l’ultima parola lasciata ai padroni di casa.

Leggi anche: Chi c’è dietro la “Bestiolina” social di Giorgia Meloni