Opinioni

Terremoto in Albania, il video del salvataggio di un bambino

Fra le immagini del terremoto di magnitudo 6.4 in Albania che alle 3.54 del 26 novembre 2019 ha colpito Durazzo c’è questo video che mostra il salvataggio di un bambino rimasto parzialmente seppellito sotto le macerie di un palazzo crollato. Nel video, tratto da Syri Tv, si vede il bambino tenuto per mano mentre viene estratto dalle macerie; si sentono pianti e urla.

Sono almeno sei le persone morte in seguito al violento terremoto di magnitudo 6,4 sulla scala Richter registrato in Albania, il più forte subito dal Paese negli ultimi decenni e seguito da numerose scosse di assestamento. Lo hanno riferito media e autorità locali, che parlano di centinaia di feriti. Un uomo è stato trovato morto sotto le macerie di un palazzo crollato a Durazzo. Sempre a Durazzo, sono stati trovati in un albergo crollato nella zona della spiaggia altri due corpi. A Kurbin un uomo è morto dopo essersi gettato dal balcone per tentare di mettersi in salvo. Proseguono intanto le operazioni di soccorso sia a Durazzo sia a Thumana. Secondo l’Istituto di scienze geologiche albanese, il terremoto si è verificato alle 03.54 ora locale e il suo epicentro era nel Mare Adriatico, 10 chilometri a nord della città di Durazzo e 40 chilometri a ovest di Tirana, con una profondità di 38 chilometri. Il premier albanese Edi Rama, ha scritto su Facebook che “tutte le strutture statali sono al lavoro fin dai primi momenti successivi al sisma”. “Si lavora intensamente per salvare ogni vita possibile in alcuni punti critici a Durazzo e Thumana”, prosegue il premier, che invita la popolazione a “mantenere la calma e a sostenere a vicenda”. Rama ha annunciato alla stampa che si recherà immediatamente a Durazzo, la più colpita dal terremoto.

Diverse persone sono rimaste intrappolate sotto le macerie a Durazzo e Thumana, nella zona vicina all’epicentro. Le immagini di Syri tv mostrano soccorritori che scavano a mani nude tra le macerie.

Leggi anche:  Terremoto in Albania: le immagini dei danni