La macchina del funky

Maria Elena Boschi: «Con il M5S dialogo sui diritti»

maria elena boschi banca etruria unicredit

Sulla Stampa di oggi rompe il silenzio Maria Elena Boschi, che parla di diritti e parità di genere e auspica che migliori il dialogo tra Pd e M5S. La sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle Pari Opportunità parla di dialogo “difficile” con il M5S sui diritti, ma l’apertura del quotidiano, dedicata alla Boschi nel giorno dell’attentato di Londra e del caos in piazza San Carlo a Torino, è leggermente forzato:

A proposito dei diritti, la legge sulle unioni civili è passata. Che ne è di quella sull’omofobia?
«La legge sulle unioni civili è stata una svolta epocale, proprio in un’ottica di pari opportunità. Un grande risultato. Mi è dispiaciuta molto la polemica che era nata sui numeri. In termini di diritti sarebbe stata una legge giusta a prescindere dai numeri, c’è un diritto e ognuno lo esercita quando vuole. Tra l’altro i numeri non sono poi così bassi. Ho partecipato a feste di molte coppie, ma una mi ha davvero commosso. Una coppia di fiorai che stavano insieme da 54 anni, che hanno sempre preparato gli addobbi per i matrimoni degli altri e pensavano che non avrebbero mai potuto farlo per il loro. E invece il giorno è arrivato! Della legge sulla omofobia c’è bisogno. Il Pd da solo però non può farcela. Bisogna trovare altre alleanze».
Con chi potrete portare avanti i temi dei diritti?
«Sulle questioni di genere storicamente l’alleanza trasversale tra donne ha portato bei risultati. Ricordo la legge sulla violenza contro le donne del 1996 che trasformò la violenza da reato contro la morale a reato contro la persona che vide le donne di vari schieramenti trascinare i loro partiti nell’adesione e la Legge Golfo Mosca, che altri Paesi europei ci invidiano. Sulla questione unioni civili è stato più complicato ottenere trasversalità. Il dialogo con i 5 Stelle è difficile anche sulla questione dei diritti. Spero che la situazione migliori in futuro».

maria elena boschi

Leggi sull’argomento: La legge elettorale è uno schiaffo ai cittadini