Attualità

L'attentato di Londra

attentato londra

Alla fine il bilancio dell’attacco di Londra è di sei morti e più di trenta feriti. I tre terroristi sono stati tutti uccisi in un conflitto a fuoco con la polizia. Ieri un duplice attacco con un terzo scenario successivo si è svolto prima al London Bridge, dove un pulmino ha investito diversi pedoni e ne sono poi usciti tre aggressori che hanno accoltellato altri passanti.

L’attentato di Londra

A London Bridge numerosi testimoni hanno visto il van, un veicolo bianco noleggiato dalla Hertz, piombare ad alta velocità, attorno agli 80 chilometri all’ora, su un marciapiede e falciare una mezza dozzina di persone. Finche’ dal mezzo sono saltati fuori tre ossessi, tutti uomini e armati con coltelli dalle lunghe lame (30 centimetri, stando ad alcuni racconti), e si sono scagliati a tirare fendenti gridando: “Questo é per Allah”. Il panico è dilagato e l’intervento della polizia, seppure rapido, si è svolto in un clima di enorme concitazione. “Run, hide and tell” (Scappate, nascondetevi e riferite), ha twittato a un certo punto Scotland Yard rivolgendosi a chi si trovava nell’epicentro del caos. Mentre la sensazione riferita dalla Bbc è che l’intelligence fosse stata colta di nuovo di sorpresa. Il terzetto intanto riusciva a proseguire fino alla zona dei bar e dei ristoranti di Borough Market, dove vi sono stati altri accoltellamenti, l’attacco a un poliziotto e lo scontro a fuoco finale: suggellato dallo scatto d’un giovane fotografo, Gabriele Sciotto, con l’immagine di due dei terroristi distesi sull’asfalto ormai senza vita, uno dei quali con indosso una simil cintura esplosiva.

attacco londra london bride borough market vauxhall 1
Lo scatto di Gabriele Sciotto (foto da: Twitter)

Borough Market e London Bridge

Mark Rowley, capo dell’antiterrorismo di Scotland Yard ha descritto l’accaduto come “un attacco prolungato, iniziato a London Bridge e concluso a Borough Market”, e confermato che i feriti sono “almeno 20”. Rowley ha detto che l’azione risulta essere stata condotta in totale da tre terroristi, tutti uccisi infine dal fuoco degli agenti a Borough Market.

Uno degli attacchi a coltellate segnalati nella zona di Borough Market sarebbe avvenuto in un bar, secondo una precisazione arrivata più tardi dalla Bbc che cita un testimone. Stando a questa fonte, nel bar avrebbe agito un uomo solo, tirando fendenti all’impazzata con un grande coltello.

Il terzo attentato da marzo

Dopo la carneficina del 7 luglio 2005, in cui 4 jihadisti si fecero saltare in aria sulla metro e su un bus a Londra, uccidendo 52 persone e ferendone 770, la Gran Bretagna era stata risparmiata dal terrorismo. Tutto è cambiato il 22 marzo scorso quando Khalid Masood, noleggia un auto, e la lancia a tutta velocità contro i passanti su Westminster Bridge ne uccide 4 per poi schiantarsi contro l’ingresso del palazzo di Westminster. Qui scende dalla vettura e armato di un grande coltello colpisce a morte alla testa l’agente disarmato (nel Regno Unito sono la norma) Ken Palmer, prima di essere eliminato dalla scorta di un ministro. Il 22 maggio un kamikaze nato a Manchster da genitori libici in fuga da Muammar Gheddafi si fa saltare in aria alla fine del concerto della popstar Usa Ariana Grande. Massacra 22 persone e ne ferisce 59. Stasera è la volta di Londra. Sei innocenti vengono uccisi da 3 terroristi e a loro volta sono eliminati dagli agenti.

Leggi sull’argomento: London Bridge, Borough Market, Vauxhall: il triplice attacco a Londra