Opinioni

La clamorosa unità nel M5S sul tema dei vaccini

Mentre la neoministra della Sanità Giulia Grillo deve decidere cosa fare con la legge Lorenzin sotto la pressione dei novax, il dibattito nel MoVimento 5 Stelle è aperto e possiamo apprezzarne tutte le sfaccettature nei post su Facebook di Guido Silvestri, che ha contribuito alla scrittura del programma del M5S sui vaccini (che poi è cambiato sotto il suo naso mentre i grillini candidavano una no-vax dichiarata) e negli interventi dell’eletto al Consiglio Regionale del Lazio Davide Barillari che qualche settimana fa ha invitato novax e sciachimicari a scrivere una legge sui vaccini. Come si può ammirare dallo scambio di battute tra Silvestri e Barillari c’è grande sintonia e unità di vedute nel nome della scienza all’interno del M5S: “Vergogna“, dice il deputato regionale a uno dei più grandi luminari della ricerca scientifica mondiale.

davide barillari guido silvestri 1

Ma di cosa si deve “vergognare” – si fa per dire – Silvestri? Da qualche tempo il professore, contrario all’obbligo perché ritiene che non sia efficace nella strategia di massima copertura vaccinale, sta spiegando che non è il caso di “proporre ora cambiamenti radicali e frettolosi al DL Lorenzin”, perché la decisione “manderebbe un messaggio sbagliato alla nazione. Invece, se le coperture continuassero a salire, come tutti speriamo, si potrebbe tranquillamente iniziare tra 2-3 anni una transizione graduale verso un modello basato sulla raccomandazione (in cui l’obbligo viene usato solo in caso di inversione di tendenza e/o outbreak epidemico). Cosa che sarebbe auspicabile in un’ottica di fiducia reciproca tra cittadini e istituzioni”. Insomma, il professore fa notare che non è il caso di andare all’attacco della Legge Lorenzin, ma di ragionare su quale possa essere la strategia ottimale per raggiungere l’obiettivo. E poi Silvestri aggiunge una cosa altrettanto urticante: “Nel frattempo, sempre a mio parere, due misure sarebbero fondamentali. La prima è l’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario a contatto con i pazienti. La seconda è un giro di vite contro i sacerdoti dell’anti-vaccinismo, che andrebbero perseguiti in modo molto duro per i danni che causano alla salute pubblica, soprattutto quella dei più deboli”. Una tematica che sta da sempre piuttosto a cuore a Barillari:

davide barillari guido silvestri 2

Di qui il nervosismo e gli inviti a vergognarsi. Per la ministra Grillo si prepara un compito piuttosto difficile.

Leggi sull’argomento: Tutte le volte che il M5S ha detto che gli scienziati sono venduti alle lobby

Alessandro D'Amato

Il direttore di neXt Quotidiano