La macchina del funky

Lucia Annibali candidata con il PD?

lucia annibali

Giovanna Casadio su Repubblica oggi si occupa delle candidature del Partito Democratico alle elezioni del 4 marzo; il primo problema da risolvere è quello di Maria Elena Boschi, che non ha ancora deciso in quale collegio si presenterà. Significativa è anche la sfida di Matteo Orfini, che secondo il quotidiano è pronta a rischiare in una periferia romana (anche se tutti i candidati avranno il paracadute del proporzionale):

La sottosegretaria ed ex ministra, sotto assedio per Banca Etruria, deciderà lei dove candidarsi. Che si candidi è certo, ma non ha ancora scelto se in Toscana, nella logica à la guerre comme à la guerre, o altrove. Schierati in prima linea nei collegi uninominali i ministri, anche se avranno poi il paracadute del listino proporzionale.
Franceschini sarà al collegio Camera a Ferrara, la sua città; Orlando a La Spezia; Minniti sta valutando se in Calabria o altrove. E Gentiloni? A lui il cuore dei collegi italiani: Roma 1-Camera, mentre Matteo Orfini sarà a combattere, e a rischiare il bagno di sangue, nella periferia romana. A Delrio, destinato a Reggio Emilia, potrebbe però essere chiesto di candidarsi a Bolzano. Renzi sarà al Senato, collegio di Firenze. Lancia la sfida al leghista Salvini: «Ha annunciato che vuole candidarsi dove sono io, ebbene lo faccia».

bankitalia orfini casini
Poi ci sono i candidati vip, e tra questi “spunta anche Lucia Annibali, protagonista ieri di una polemica con Marco Travaglio:

Accanto ai politici, il segretario dem pensa a personalità della società civile: Lucia Annibali, l’avvocatessa sfregiata con l’acido dal suo ex fidanzato, nelle Marche; Paolo Siani a Napoli; a Milano Roberto Burioni, il medico in prima linea contro i no-vax. Nei confronti di Liberi e Uguali e degli ex dem, la linea indicata da Renzi per ora è quella della «civile competizione».
Ma sono in molti a scommettere che quando si capirà che ci sono collegi che il Pd rischia di perdere per poche migliaia di voti drenati dalla nuova sinistra, allora il confronto si surriscalderà e si moltiplicheranno gli appelli dem al voto utile. Già è stata abbozzata al Nazareno l’agenda degli incontri di gennaio. Il primo è fissato per il 12 e il 13 con gli amministratori del Pd a Torino, la città della sindaca 5Stelle Chiara Appendino. “Competenza contro improvvisazione” è il titolo.

Da segnalare anche il nome di Roberto Burioni: sarà curioso sapere se lui accetterà la candidatura, visto che ieri ha aderito a una lista che correrà con il PD un onorevole che lo definiva “somaro”.

Leggi sull’argomento: Quelli che attaccano Lucia Annibali per aver osato rispondere a Travaglio