Fact checking

Lo strano messaggio di Di Maio (che difende Salvini?)

salvini di maio

Poco fa su Twitter e su Facebook Luigi Di Maio ha pubblicato uno strano messaggio indirizzato al senatore Stefano Esposito del Partito Democratico: «Esposito del Pd si deve solo vergognare. Fa campagna sulle tragedie del ‘900 e questo mi fa orrore. Le leggi razziali sono state aberranti ed Esposito usa questo tema con disinvoltura per attaccare un avversario politico alla vigilia della Giornata della Memoria. Senza parole».

Lo strano messaggio di Di Maio (che difende Salvini?)

Il messaggio è strano perché Stefano Esposito oggi ha parlato della vicenda della metro 2 di Torino – che non sembra correlata a nulla che riguardi il fascismo – mentre in mattinata ha attaccato Matteo Salvini che in un intervento a Circo Massimo aveva detto che “Il fascismo ha fatto anche cose buone”.
luigi di maio difende salvini
Ma è curioso che Di Maio si riferisse proprio al tweet di Esposito su Salvini perché è rarissimo che il MoVimento 5 Stelle si smuova per difendere chi non è del suo partito. Per questo sembra davvero strano che nell’occasione Di Maio si riferisse proprio alla polemica di Esposito con Salvini.
stefano esposito 1

Di Maio difende Salvini sul fascismo?

Eppure anche la risposta di Esposito a Di Maio presuppone che il vicepresidente della Camera si riferisse proprio a Salvini: «Sul fascismo dovresti fare tue parole Mattarella invece di tacere per opportunismo su quelle di Salvini rendendoti complice morale Lezioni di antifascismo da te non ne prendo Hai disonorato tua funzione istituzionale con finta equidistanza che odora di revisionismo».
matteo salvini luigi di maio
In più, proprio Di Maio stamattina aveva detto di non voler entrare nella polemica su Salvini: “Io in questa roba non ci voglio proprio entrare”. E non si comprende perché abbia cambiato idea nel pomeriggio al solo scopo di difendere Matteo Salvini. Forse l’ipotesi di accordo tra Lega e M5S non è così campata in aria?

Leggi sull’argomento: L’ipotesi di accordo tra Lega e M5S