Fact checking

Firme false, la testimonianza di Claudia La Rocca inguaia il M5S Palermo

claudia la rocca firme false m5s-palermo

Alla fine Claudia La Rocca ha davvero parlato. La deputata regionale siciliana del MoVimento 5 Stelle ha vuotato il sacco sulla storia delle firme false a Palermo nel 2012 e definitivamente messo nei guai in primo luogo Claudia Mannino e Samantha Busalacchi. Non solo: anche un altro esponente del M5S locale, attivista all’epoca dei fatti, ha ammesso le proprie responsabilità ma senza fare i nomi degli altri che lo hanno aiutato. Entrambi sono passati da testimoni dei fatti a indagati, come racconta oggi la Stampa:

Claudia La Rocca, 35 anni, non ha atteso la convocazione dei magistrati: c’è andata lei spontaneamente. Con un avvocato al seguito, pronto ad entrare in scena non appena la sua posizione si fosse complicata. Come in effetti è avvenuto: quando la giovane esponente del M5S ha ammesso di avere partecipato a quei momenti di isteria collettiva, nella notte che precedette la presentazione della lista, il procuratore aggiunto Bernardo Petralia e il sostituto Claudia Ferrari l’hanno fermata, avvisandola che da quel momento si doveva considerare indagata e che poteva avvalersi della facoltà di non rispondere.
Lei però ha scelto di andare avanti, così come ha detto di aver concordato col proprio gruppo, che fa capo a Cancelleri, per fare chiarezza: assistita dall’avvocato Valerio D’Antoni, ha fatto i nomi dei presenti e di coloro che, per rimediare all’errore nel luogo di nascita di uno dei candidati, ricopiarono circa duemila firme. Un clima di omertà incredibile ha avvolto questa vicenda, venuta fuori a tre anni di distanza, dopo l’archiviazione di una prima indagine, grazie all’attivista Vincenzo Pintagro e ai servizi televisivi delle Iene. Lo stesso Pintagro, che fu solo testimone, aveva fatto i primi nomi, indicando anche la La Rocca. Un altro esponente dei Cinque Stelle, convocato dai pm, ha parlato delle proprie responsabilità, senza indicare altri: è finito pure lui sotto inchiesta.

Il portavoce all’Ars Gianpiero Trizzino e il deputato regionale Giancarlo Cancelleri compariranno domani davanti ai magistrati che la prossima settimana dovrebbero passare agli interrogatori degli indagati.

La testimonianza di Claudia La Rocca inguaia il M5S Palermo

Oggi intanto il procuratore Francesco Lo Voi, l’aggiunto Dino Petralia e la pm Claudia Ferrari si riuniranno per decidere le prossime attività investigative. Dopo l’esame a sommarie informazioni di una serie di testimoni e gli interrogatori di due attivisti che avrebbero ammesso i falsi, tirando in ballo altri esponenti del movimento coinvolti, dovrebbero essere disposti, per la prossima settimana, gli interrogati degli altri indagati. La Procura ipotizza il reato previsto dall’articolo 90, secondo comma, del Testo Unico 570 del 1960 che punisce con la reclusione da due a cinque anni, tra l’altro, “chiunque forma falsamente, in tutto o in parte, liste di elettori o di candidati od altri atti dal presente Testo Unico destinati alle operazioni elettorali, o altera uno di tali atti veri oppure sostituisce, sopprime o distrugge in tutto o in parte uno degli atti medesimi”. “Chiunque fa uso di uno dei detti atti falsificato, alterato o sostituito, – recita la legge – è punito con la stessa pena, ancorché non abbia concorso nella consumazione del fatto”. Ecco perché anche il candidato sindaco Riccardo Nuti detto (all’epoca) Il Grillo e i candidati consiglieri sono a rischio, posto che andrà dimostrato che questi ultimi sapessero della falsificazione delle firme.

firme false articolo 90
L’articolo 90 del Testo Unico 570/1960

Ieri intanto il capogruppo M5S all’Assemblea regionale siciliana, Giancarlo Cancelleri, nel corso di un forum dell’agenzia di stampa Italpress ha detto che il M5S si prepara a sanzionare i responsabili: «Non faremo sconti a nessuno. Se c’è qualcuno che ha sbagliato sarà messo alla porta. Il Movimento e’ parte lesa. Stiamo collaborando con la procura, vediamo cosa uscirà fuori». Non solo: Cancelleri è tornato a promettere la candidatura a Palermo: “Faremo certamente una lista, è impensabile che il Movimento Cinque Stelle non partecipi alle prossime elezioni comunali del capoluogo siciliano. Ci saremo assolutamente”.
le iene firme false palermo movimento-5-stelle
Claudia Mannino, onorevole M5S citata nel servizio delle Iene sulle firme false a Palermo nel 2012

I problemi con le Comunarie e con il nuovo regolamento

Due affermazioni che andranno verificate. Nei confronti degli interessati si parla di sanzioni come la sospensione o un “congelamento”, mentre se si accertassero responsabilità potrebbero arrivare sanzioni vere e proprie. La vicenda quindi con tutta probabilità sarà l’occasione per mettere alla prova il nuovo regolamento del MoVimento 5 Stelle, entrato in vigore dal 28 ottobre 2016.

firme false movimento 5 stelle
Il nuovo regolamento del MoVimento 5 Stelle

Il regolamento prevede una prima decisione del collegio dei probiviri, che deve ascoltare gli interessati, e poi una seconda, su eventuale richiesta degli interessati, da parte del comitato di appello. Il comitato di appello è attualmente composto da Roberta Lombardi, Vito Crimi e Giancarlo Cancelleri. In ogni caso prima dovrebbe esserci il giudizio dei probiviri. Ma c’è un piccolo problema: pur essendo stato annunciato all’epoca, il voto sui probiviri (che servono “a fare da paravento a Grillo”) non è mai stato effettuato né ne sono stati comunicati i risultati. Prima quindi dovrà essere risolto questo problema, anche se probabilmente qualcuno lo derubricherebbe a roba da azzeccagarbugli. Di certo non può decidere Grillo da solo perché questo violerebbe il regolamento entrato in vigore nemmeno quindici giorni fa.
firme false movimento 5 stelle 1
“Tre probiviri eletti dalla rete per fare da paravento anche a Grillo”

In più i grillini, prima di affrontare le comunarie, dovranno risolvere un altro problema: chi è la talpa del MoVimento 5 Stelle? La storia è venuta fuori grazie all’elenco con le firme false inviato alla trasmissione tv di Mediaset, a Luigi Di Maio via mail e alla procura di Palermo. Ma niente è accaduto per caso: chi si è mosso lo ha fatto con il chiaro intento di danneggiare i parlamentari “romani” e la loro “corrente” in occasione delle comunarie di Palermo. Per questo in tutto questo bailamme rimane ancora aperta la domanda: chi ha materialmente inviato i fogli che stanno mandando a puttane le Comunarie e il M5S a Palermo? E visto che un documento del genere non può non essere posseduto da un “interno” al gruppo che forse già era interno nel 2012, quale convenienza ne ha avuto o ne avrà?

regolamento m5s
“Il regolamento è in vigore da oggi”, 28 ottobre 2016

Leggi sull’argomento: Dieci indagati per le firme false dei grillini a Palermo