Fact checking

La discontinuità di Conte? Lasciare la Ocean Viking sballottata dal mare facendo finta di niente

ocean viking 104 migranti sbarco - 2

Il governo della discontinuità presieduto da Giuseppe Conte si è insediato da quasi due mesi. Ma sul fronte dell’immigrazione non è cambiato praticamente nulla. I Decreti Sicurezza sono ancora lì, oggi al Parlamento Europeo il M5S si è astenuto – consentendo così di affossarla – su una risoluzione che ribadiva che i porti sono aperti. E soprattutto alle imbarcazioni delle ONG che salvano vite umane nel Mediterraneo viene riservato il medesimo trattamento di quando al Viminale c’era Salvini. O meglio: le navi vengono tenute al largo, senza nemmeno il ricorso a divieti e proclami su Twitter.

Perché i migranti salvati dalla Ocean Viking non possono tornare in Libia

Il caso di questi giorni è quello della Ocean Viking, l’imbarcazione di Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere che è ancora in attesa che le autorità marittime assegnino un luogo sicuro per lo sbarco delle 104 persone salvate venerdì scorso in acque SAR libiche. I migranti erano a bordo di un gommone in difficoltà, a bordo della Ocean Viking ci sono 10 donne (nove viaggiano da sole, senza il marito) e 40 minori (di cui due bimbi piccoli). Il 30% dei minori è “non accompagnato”, quindi ha diritto ad ottenere lo status di rifugiato.

ocean viking 104 migranti sbarco - 3

La situazione è sempre la stessa: le autorità libiche hanno assegnato Tripoli come place of safety ma la ONG ha rifiutato e ha quindi fatto rotta verso nord. Italia o Malta quindi, ma nessuno per il momento ha voluto farsi carico dei migranti. Le timide aperture dell’accordo di Malta, che deve essere ancora ratificato, sembrano ormai un lontano ricordo.

ocean viking 104 migranti sbarco - 1La giornalista di Avvenire Ilaria Solaini è a bordo della Ocean Viking e questa mattina ha twittato una notizia che nei quattordici mesi di governo gialloverde abbiamo sentito spesso: ieri il MRCC Roma, operato dalla nostra Guardia Costiera ha rifiutato di collaborare al sbarco delle 104 persone soccorse. Non c’è stato nemmeno bisogno di farlo sapere ai quattro venti. La strategia del nuovo governo è tacere sulle operazioni di salvataggio delle ONG, così come Salvini taceva sugli sbarchi dei migranti che arrivavano da soli a bordo di barchini e barconi.

È ancora Salvini a decidere la politica del governo sui migranti?

Sulla Ocean Viking la situazione è sempre la stessa: precaria. Persone che hanno subito indicibili sofferenze sono costrette a rimanere in mezzo al mare mentre il tempo continua a peggiorare. Non c’è alcun motivo per continuare questa moina. Ci sono centoquattro motivi per non rimandare i migranti in Libia. Non si capisce per quale ragione il governo si stia comportando così. È per evitare di far segnare dal Viminale che sono sbarcate un centinaio di persone? È la paura che Salvini strumentalizzi quello sbarco per raccontare che il governo trasferirà tutti i migranti in un borgo umbro? La risposta non può essere questa. Altrimenti significherebbe che un partito di opposizione riesce a tenere in scacco la maggioranza e il governo senza fare nulla, anzi raccontando solo balle.

ocean viking 104 migranti sbarco - 4

Anche perché nel frattempo non è che in Italia di migranti non ne siano arrivati. Lo certifica il bollettino del Viminale sul numero degli sbarchi: 118 arrivi il 21 ottobre, 67, il 22 e 46 oggi. E allora dove è il problema?

Il problema, come sempre, è che quei 104 migranti sono stati salvati da una ONG. Perché come riferisce Sergio Scandura i 67 naufraghi tratti in salvo dal rimorchiatore Asso 29 (dell’italiana ENI) sono stati presi in carico da Nave Diciotti della Guardia Costiera, che li ha fatti sbarcare a Pozzallo. Al porto gli operatori dell’UNHCR hanno raccolto le testimonianze di torture subite dai migranti. Nell’andare in soccorso della Asso 29 la Diciotti ha incrociato la rotta della Ocean Viking, senza fermarsi. Perché? Perché mentre il MoVimento 5 Stelle si vanta di essere “ago della bilancia” in Europa in Italia la gestione dei flussi migratori e dei soccorsi la fa ancora Salvini.

In copertina: la nave Open Arms in navigazione in queste ore nel Mediterraneo centrale

Leggi anche: Per di non dire sì ai porti aperti alle ONG il M5S si astiene sulla risoluzione che chiedeva una equa distribuzione dei migranti