Tecnologia

Come ha preso il medico “free vax” Diego Tomassone l’indagine dell’Ordine dei Medici

tomassone autismo vaccini radiazione - 8

In vista dell’udienza all’Ordine dei Medici di Torino anche il dottor Diego Tomassone, come già il dottor Roberto Gava prima di lui, ha deciso di appellarsi alla clemenza della corte confidando nella saggezza dello «stimato Presidente Giustetto, che possa essere “Giusto” non solo di nome ma anche di fatto». Tomassone, medico omeopata della Val Susa, da qualche tempo è diventato uno dei punti di riferimento del variegato mondo dei genitori “free-vax” che per motivi puramente ideologici si oppongono ad una legge dello Stato italiano. Lui, come tutti gli antivaccinisti, non si definisce “no vax” ma «contrario a certi tipi di imposizioni», ovvero l’obbligo vaccinale.

Chi è Diego Tomassone, il medico omeopata dei free-vax

Eppure 69 colleghi – che Tomassone definisce «valorosi e scrupolosi medici segnalatori» – hanno deciso di segnalarlo all’Ordine dei Medici per comportamento antiscientifico. Lui, l’accusato, si difende da giorni su Facebook spiegando che i segnalatori hanno strumentalizzato le sue parole «inserendo articoli di prima che mi laureassi, tagliando i post e inserendo solo certi commenti o certe parti del sito». Lui, a trentasette anni, potrebbe essere il più giovane medico radiato dall’albo, ma da «umilissimo medico di montagna» ritiene di essere in realtà vittima di un ingiusto tentativo di censura e di discriminazione e chiede una moratoria nei confronti dei medici radiati o sotto giudizio per reati di opinione. Ed è curioso che Tomassone si esprima così, perché fu proprio lui a segnalare all’Ordine dei Medici il dottor Roberto Burioni a causa del contenuto di alcuni post del medico del San Raffaele diventando così l’idolo delle folle free-vax. I valorosi e coraggiosi esposti di Tomassone contro Burioni sono stati archiviati.

tomassone autismo vaccini radiazione - 5

L’accusa è grave. A Tomassone viene contestato di aver  provocato deliberatamente con la sua condotta «un grave pregiudizio generale per aver ingenerato riserve sull’utilità delle vaccinazioni e della medicina dell’evidenza, incentivando in tal modo il rifiuto di efficaci mezzi di prevenzione, proponendone la sostituzione con l’omeopatia accessibile solo a pagamento. Inoltre svilendo l’immagine della professione e dei suoi esercenti, bollati come “ignoranti” e mossi solo da interessi economici, così ledendo il decoro e la dignità della professione medica».

tomassone autismo vaccini radiazione - 3

Lui è triste, non tanto per l’apertura del procedimento disciplinare quanto per il «clima di censura, di odio e di voler soffocare in ogni modo chi dissente con ragioni motivate e scientificamente argomentate». Ad esempio affermazioni come quelle del dottor Paolo Bellavite, che in una condivisione di un post del dicembre 2017 Tomassone definisce medico, ricercatore, professore, scienziato “con le maiuscole”. In quel post Bellavite diceva che i vaccini non provocano l’autismo ma danni neurologici molto simili all’autismo.

Quando Tomassone diceva che i vaccini erano inutili e causavano l’autismo

C’è poi un post del 31 luglio scorso dove Tomassone critica il “dogma vaccinale” che dice che non esiste correlazione tra vaccinazione e autismo proponendo un semplice esperimento mentale per far capire ai suoi lettori che in realtà le cose non stanno così. Tomassone propone di vaccinare (per chi vuole farlo ça va sans dire) non prima dei 18 mesi di età «e vediamo quante malattie rare e sindromi dello spettro autistico e disturbi vari verranno ancora diagnosticati…». Sottinteso: scommettiamo che ci sarà una grande diminuzione dei casi di autismo?

tomassone autismo vaccini radiazione - 2

Perché? Il perché Tomassone sta bene attento a dirlo, perché sa che il tema è delicato e che già prima di lui molti medici sono stati sottoposti ad indagine disciplinare per aver sostenuto la correlazione tra vaccini e autismo. Tomassone è più astuto perché in diversi post spiega che nemmeno il medico radiato Andrew Wakefield, famoso per lo studio pubblicato e poi ritirato su Lancet che metteva in correlazione il vaccino MPR e l’autismo, ha mai detto che esiste questa correlazione. Secondo Tomassone, Wakefield ha detto che «c’era correlazione tra problemi intestinali e sindrome dello spettro autismo, e questo certo che è vero (togliendo glutine e caseina e curando l’alimentazione i bimbi autistici migliorano)».

tomassone autismo radiazione - 2

Prima di laurearsi (luglio 2014) il comportamento di Tomassone su Internet era diverso. Saltano all’occhio alcune condivisioni nel gruppo Facebook di Auret, associazione che sostiene la legge di iniziativa popolare per togliere qualsiasi forma di obbligo vaccinale, di video che “spiegano” che la Vitamina D è “meglio di qualsiasi vaccino”.

tomassone autismo radiazione - 1

O ancora: post dove dice chiaramente che la causa dell’autismo sono i vaccini.

tomassone autismo vaccini radiazione - 4

Oppure articoli dove “spiega” la vera prevenzione perché le vaccinazioni «oltre a non essere quello che ci vogliono far credere sono molto dannosi» mentre esistono altre medicine che possono essere preventive. Quali? L’omeopatia ad esempio. Tomassone si difende dicendo che quelle cose sono “vecchie” e si tratta di post scritti prima che si laureasse. Allo stesso tempo si schernisce dicendo di non aver alcun potere di “influenzare le masse”.

Ed in effetti è sufficiente guardare il suo intervento dal palco del raduno “free-vax” di Pesaro per capire che Tomassone non è assolutamente una figura di riferimento per il movimento Arancione. Rimane una domanda alla quale sicuramente il medico risponderà con la consueta franchezza. Come mai Tomassone dopo l’iscrizione all’Albo ha smesso di parlare pubblicamente dei pericoli dei vaccini? Non sarà mica stato convinto a farlo da qualche emissario di Big Pharma?

Leggi sull’argomento: Come il complotto QAnon sta arrivando in Italia grazie agli antivaccinisti