Politica

Clara Rolla: il discorso della “bimba di Salvini” che imbarazza anche lui

La segretaria della Lega di Sorrento non usa mezze misure: “Matteo Salvini per la seconda volta ci ha onorato della sua presenza: lui mantiene sempre le sue promesse. Perché Sorrento è ormai nel suo cuore e lui con i suoi interventi dà la giusta carica per motivare noi sostenitori della Lega per contrastare le storture e le ingiustizie che accadono nella nostra nazione. Io non credo di esagerare se dico che questo è l’uomo della Provvidenza…”

Della segretaria della Lega di Sorrento Clara Rolla avevamo già parlato nell’occasione in cui veniva accusata di aver confermato che i napoletani puzzavano (sulla falsariga del famoso video-coro di Salvini) ma, come spiegò lei su Facebook, in realtà stava confermando un’altra frase, ovvero che “parecchi Settentrionali dicono che molti Napoletani sono PESSIMI”. Oggi, grazie a questo video tratto dalla pagina facebook di Matteo Salvini, possiamo ammirarla mentre si esibisce in un panegirico così ossequiante nei confronti del Capitano che a un certo punto lui stesso la interrompe per dire “Neanche mia mamma parla di me così”.

Dopo il consueto giro di ringraziamenti a tutti coloro che hanno consentito lo svolgimento di un evento così storico (no, non la reunion dei Pink Floyd a Pompei: la visita del Capitano a Sorrento), Rolla ringrazia “Matteo Salvini che per la seconda volta ci ha onorato della sua presenza: lui mantiene sempre le sue promesse. Perché Sorrento è ormai nel suo cuore e lui con i suoi interventi dà la giusta carica per motivare noi sostenitori della Lega per contrastare le storture e le ingiustizie che accadono nella nostra nazione. Io non credo di esagerare se dico che questo è l’uomo della Provvidenza perché è grazie a lui e solo a lui se sono state disvelate scomode verità riguardo scellerati governi di sinistra e nocive politiche dell’Unione Europea. Quest’uomo schietto, semplice e leale è stato in grado di scuotere le nostre coscienze e ci ha liberato dal torpore in cui sopravvivevamo – un po’ come la rana di Chomsky. E’ l’unico uomo grazie alla cui caparbia e tenacia, fatica tra faticose battaglie, ostacoli, insulti…”. E qui finalmente il Capitano la interrompe: “Neanche la mia mamma parla di me così”. La risata fragorosa può accompagnare solo. E’ bello l’entusiasmo in politica, no?

Leggi anche: Le fregnacce di Salvini che dice basta al distanziamento sociale