Politica

La sindaca di Zagarolo annulla la cerimonia del Pci pubblicizzata con la Z a supporto di Putin

Massimiliano Cassano|

zagarolo manifesto volantino z putin partito comunista

Da giorni a Zagarolo non si parla che del caso sollevato dal volantino della sezione locale del Pci intitolata ad Aldo Bernardini, che invitava a una manifestazione prevista per l’8 maggio per ricordare alcuni soldati ucraini uccisi durante la Seconda Guerra Mondiale mentre combattevano al fianco dei partigiani utilizzando la “Z” con i colori della Croce di San Giorgio divenuta simbolo di supporto all’invasione dell’Ucraina. L’evento avrebbe dovuto svolgersi però nel vicino comune di Palestrina, alla presenza di funzionari dell’ambasciata ucraina, mentre il giorno dopo a Zagarolo sarebbe stato replicato con esponenti russi.

La sindaca di Zagarolo annulla la cerimonia del Pci pubblicizzata con la Z a supporto di Putin

Dopo diversi vertici in prefettura e in questura a Roma, intavolati per capire i rischi in vista di un evento ormai divenuto altamente mediatico, la sindaca Emanuela Panzironi (Pd) per ragioni di sicurezza ha negato l’autorizzazione alla parte di celebrazione che si doveva svolgere nella città da lei amministrata: “Ci sarebbero problemi di ordine pubblico, potrebbero venire contestatori, ma anche sostenitori filo Putin. E comunque ci dissociamo totalmente dall’uso del nome della nostra città in quel modo”. L’amministrazione comunale aveva già diramato una nota per prendere le distanze dal volantino.

Il Pci locale ha provato a minimizzare la vicenda: “La nostra è una provocazione – dice Daniele Baccarini, membro del direttivo, al Messaggero – mica siamo a favore di Putin, noi siamo per la Pace. Però il Dipartimento informazione e propaganda ha deciso di realizzare graficamente il volantino in quel modo per attirare l’attenzione. Oggi qui a Zagarolo è pieno di giornalisti e telecamere, non si sarebbero mai interessati di noi senza quella Z”. Lucia Addario, segretaria della sezione, aggiunge: “Ma mo’non si può più usare la Z? Allora diciamo che quella Z sta per Zingaretti, così va bene?”.