Opinioni

Vi ricordate la storia del Comune di Roma che dimentica di partecipare a una gara?

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo dal titolo “Il Comune di Roma ha dimenticato di partecipare a una gara sulla videosorveglianza?”, in cui raccontavamo del bando della Regione Lazio per l’installazione di telecamere nelle vie della città a cui avevano partecipato molti municipi ma non lo stesso Comune, che secondo la Regione avrebbe “dimenticato” con l’assessorato di Margherita Gatta di inviare i documenti per partecipare alla gara e lo avrebbe fatto solo dopo l’infuriare della polemica e a gara abbondantemente scaduta. Oggi Repubblica Roma ci racconta come è finita la vicenda:

A CASA, senza stipendio. Sarà sospeso il dirigente del Simu che ha fatto fare una figuraccia all’assessora ai Lavori pubblici Margherita Gatta e l’intera giunta Raggi sul dossier videosorveglianza. Il provvedimento arriverà nelle prossime ore e punirà il manager che si è dimenticato di inviare per tempo tutti gli incartamenti necessari a partecipare al bando da 2 milioni per l’acquisto di telecamere di sicurezza. Così è saltato il progetto per installare una serie di occhi elettronici al Colosseo.
E lo staff della sindaca è inciampato in una pesante gaffe. Mentre preparavano la risposta al Pd e al governatore Nicola Zingaretti per negare la mancata partecipazione alla gara, i comunicatori 5S venivano rassicurati dal dirigente ormai nel pallone: «È tutto ok». Peccato che i documenti siano stati inviati dal Comune alla Pisana a tempo scaduto.

margherita gatta
Eravamo quindi stati troppo generosi a mettere un punto interrogativo nel titolo in attesa di una replica del comune che non è mai arrivata. Se viene punito il dirigente, significa che le cose sono andate esattamente come erano state qui raccontate.

Leggi sull’argomento: Il Comune di Roma ha dimenticato di partecipare a una gara sulla videosorveglianza?